ARCHIVIO

NOVITA' GIURISPRUDENZIALI

2016

domenica 4 dicembre 2016 09:33

Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili: in Gazzetta Ufficiale il testo del decreto legge coordinato con la legge di conversione

segnalazione del testo coordinato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 supplemento ordinario n. 53 del 2.12.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 supplemento ordinario n. 53 del 2.12.2016 il TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 22 ottobre 2016, n. 193 Testo del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 249 del 24 ottobre 2016), coordinato con la legge di conversione 1° dicembre 2016, n. 225 recante: «Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili.». Vai al testo coordinato

segnalazione del testo coordinato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 supplemento ordinario n. 53 del 2.12.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 282 supplemento ordinario n. 53 del 2.12.2016 il TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 22 ottobre 2016, n. 193 Testo del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 249 del 24 ottobre 2016), coordinato con la legge ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 4 dicembre 2016 09:24

Prestiti d'onore e l'erogazione di borse di studio: il Riparto del Fondo di intervento integrativo tra le regioni

segnalazione del Dpcm pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 281 del 1.12.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 281 del 1 dicembre 2016 il DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 ottobre 2016 recante "Riparto del Fondo di intervento integrativo tra le regioni per la concessione dei prestiti d'onore e l'erogazione di borse di studio, per l'anno 2015." Vai al Dpcm

segnalazione del Dpcm pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 281 del 1.12.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 281 del 1 dicembre 2016 il DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 ottobre 2016 recante "Riparto del Fondo di intervento integrativo tra le regioni per la concessione dei prestiti d'onore e l'erogazione di borse di studio, per l'anno 201 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 22 novembre 2016 20:21

Fabbisogni standard dei Comuni: i nuovi coefficienti di riparto

segnalazione del DPCM pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.272 del 21.11.2016 Suppl. Ordinario n. 51

close icon

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 luglio 2016 recante "Adozione dei nuovi coefficienti di riparto complessivo dei fabbisogni standard dei Comuni per il 2016, relativi alle funzioni fondamentali di cui all'art. 3, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 26 novembre 2010, n. 216.".

segnalazione del DPCM pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.272 del 21.11.2016 Suppl. Ordinario n. 51

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 luglio 2016 recante "Adozione dei nuovi coefficienti di riparto complessivo dei fabbisogni standard dei Comuni per il 2016, relativi alle funzioni fondamentali di cui all'art. 3, comma 1, lettera a) ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 17 novembre 2016 13:27

Corte dei Conti: no a retribuzioni per i componenti del consiglio di amministrazione di aziende speciali che svolgono servizi sociali e assistenziali e gestione di farmacie

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della deliberazione della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Abruzzo del 10.11.2016

close icon

"Nei confronti dei componenti del consiglio di amministrazione di un’azienda speciale, che svolga servizi sociali e assistenziali e, in particolare, la gestione di farmacie comunali, trova applicazione la disposizione secondo cui la partecipazione agli organi collegiali, anche di amministrazione, degli enti, che comunque ricevono contributi a carico delle finanze pubbliche, nonché la titolarità di organi dei predetti enti, è onorifica." È questo stabilito dalla Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Abruzzo nella deliberazione del 10.11.2016 in risposta al quesito formulato dal Comune di Chieti relativamente alla possibilità di riconoscere (in base a quanto già previsto dallo Statuto) un’indennità ovvero una retribuzione ai componenti del consiglio di amministrazione di un’azienda speciale, che svolge servizi sociali e assistenziali e, in particolare, la gestione di tre farmacie comunali. "L'art. 6, comma 2 del decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78 (convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010 n. 122), al primo periodo ha previsto che “A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto la partecipazione agli organi collegiali, anche di amministrazione, degli enti, che comunque ricevono contributi a carico delle finanze pubbliche, nonché la titolarità di organi dei predetti enti è onorifica; essa può dar luogo esclusivamente al rimborso delle spese sostenute ove previsto dalla normativa vigente; qualora siano già previsti i gettoni di presenza non possono superare l'importo di 30 euro a seduta giornaliera”. La norma è stata oggetto di un intervento di interpretazione autentica, ad opera del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, che ha disposto (con l'art. 35, comma 2-bis) che il comma 2 in questione si interpreti nel senso che il carattere onorifico della partecipazione agli organi collegiali e della titolarità di organi degli enti che comunque ricevono contributi a carico della finanza pubblica é previsto per i soli organi diversi dai collegi dei revisori dei conti e sindacali e dai revisori stessi (previsione peraltro non conferente al caso di specie). La disposizione comprende nel proprio ampio ambito applicativo sia i soggetti che utilizzino risorse proprie degli enti pubblici, che quelli che, più occasionalmente, usufruiscono di contribuzioni, comunque qualificate, a carico delle finanze pubbliche. La norma pertanto non si applica ai soli enti pubblici in senso stretto, atteso che, a mente del terzo periodo dello stesso comma “Gli enti privati che non si adeguano a quanto disposto dal presente comma non possono ricevere, neanche indirettamente, contributi o utilità a carico delle pubbliche finanze, salva l'eventuale devoluzione, in base alla vigente normativa, del 5 per mille del gettito dell'imposta sul reddito delle persone fisiche”. Infine, la previsione non si applica, ai sensi del suo ultimo periodo, “agli enti previsti nominativamente dal decreto legislativo n. 300 del 1999 e dal decreto legislativo n. 165 del 2001, e comunque alle università, enti e fondazioni di ricerca e organismi equiparati, alle camere di commercio, agli enti del servizio sanitario nazionale, agli enti indicati nella tabella C della legge finanziaria ed agli enti previdenziali ed assistenziali nazionali, alle ONLUS, alle associazioni di promozione sociale, agli enti pubblici economici individuati con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze su proposta del Ministero vigilante, nonché alle società”. Nessun dubbio si è mai posto nella consolidata giurisprudenza consultiva delle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti (ex plurimis Sezione regionale di controllo per la Lombardia, deliberazioni 27 novembre 2012, n. 507, 23 novembre 2011, n. 616 e 15 gennaio 2013, n. 1, Sezione regionale di controllo per la Basilicata, deliberazione 12 febbraio 2013, n. 4) circa l’applicabilità della norma alle aziende speciali. In relazione alle medesime, infatti, è riscontrabile quella dipendenza finanziaria che giustifica l’applicabilità della norma, attesa la riconducibilità alle risorse pubblicistiche quantomeno del conferimento del capitale di dotazione iniziale e delle eventuali attribuzioni correlate all’erogazione di prestazioni sociali in favore dell’utenza, in base a tariffe di norma inferiori a quelle di mercato. Nel caso di specie, inoltre, si riscontra altresì l’assegnazione di sede farmaceutica, del pari contraddistinta da una valutabilità economica e dalla attribuzione operata da parte della pubblica amministrazione. Risulterà quindi possibile, nel caso di specie, e sempre che sia già prevista, la sola erogazione di gettoni di presenza in misura non superiore a trenta euro, esclusa ogni altra forma di retribuzione o indennità. Per completezza, occorre rilevare che, operata nel senso sopra descritto la qualificazione dell’azienda speciale di cui all’istanza, non troveranno per contro applicazione alla medesima le preclusioni, valevolisolo per i soggetti ricompresi nel perimetro delle pubbliche amministrazioni, comminate dai commi 1 e 3 dello stesso art. 6, previste rispettivamente per gli organismi collegiali operanti presso la pubblica amministrazione e per i componenti di organi di indirizzo, direzione e controllo, consigli di amministrazione e organi collegiali comunque denominati". Per saperne di più scarica la deliberazione.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della deliberazione della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Abruzzo del 10.11.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

"Nei confronti dei componenti del consiglio di amministrazione di un’azienda speciale, che svolga servizi sociali e assistenziali e, in particolare, la gestione di farmacie comunali, trova applicazione la disposizione secondo cui la partecipazione agli organi collegiali, anche di amministrazione, d ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 16 novembre 2016 19:29

Associazioni di volontariato ed Onlus: contributi per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e donazioni

segnalazione del comunicato del Ministero del Lavoro pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266 del 14.11.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266 del 14.11.2016 il comunicato del MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI recante "Attribuzione dei contributi per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e donazioni alle associazioni di volontariato ed Onlus per l'annualita' 2015. Vai al comunicato.

segnalazione del comunicato del Ministero del Lavoro pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266 del 14.11.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 266 del 14.11.2016 il comunicato del MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI recante "Attribuzione dei contributi per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e donazioni alle associazioni di volontariato ed Onlus per l'annualita' 2015. Vai a ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 13 novembre 2016 21:15

Mutui e prestiti obbligazionari dei Comuni: criteri e modalità per l'estinzione anticipata

segnalazione del decreto del Ministero dell'Interno

close icon

Con decreto del Ministero dell’interno di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze del 14 ottobre 2016 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 249 del 24 ottobre 2016, sono stati approvati i criteri e le modalità per la presentazione delle richieste da parte dei comuni interessati e di successiva assegnazione del fondo destinato a sostenere i costi per l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari effettuate nell’anno 2016. A seguito della presentazione delle istanze entro il termine stabilito del 31 ottobre 2016, è stato elaborato il riparto del relativo fondo. Gli importi sono allegati al decreto del Direttore centrale della finanza locale del 10 novembre 2016.

segnalazione del decreto del Ministero dell'Interno

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Con decreto del Ministero dell’interno di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze del 14 ottobre 2016 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 249 del 24 ottobre 2016, sono stati approvati i criteri e le modalità per la presentazione delle richieste da parte dei comuni interessati e d ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 1 novembre 2016 10:29

Società Partecipate: i principi sanciti dalla Corte dei Conti sul tetto ai compensi degli amministratori

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Emilia Romagna n. 95 del 25.10.2016

close icon

Si segnala il parere reso dalla Corte dei Conti sezione regionale di Controllo per l'Emilia Romagna afferente il tetto imposto ai compensi degli amministratori di societa' controllate da pubbliche amministrazioni, in quanto sebbene la Corte abbia dichiarato la richiesta di parere formulata dal Comune di Forlì oggettivamente inammissibile - perché avente a oggetto una scelta gestionale già posta in essere - la Sezione, tuttavia, ha tracciato i principi di diritto. In particolare, ad avviso della Corte il taglio introdotto dall'art. 4, commi 4 e 5 del Dl. n. 95/2012 e' tassativo e deve essere rispettato anche nel caso in cui l'ente pubblico abbia attuato una complessiva opera di razionalizzazione delle partecipazioni Per maggiori informazioni accedi al parere.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Emilia Romagna n. 95 del 25.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Si segnala il parere reso dalla Corte dei Conti sezione regionale di Controllo per l'Emilia Romagna afferente il tetto imposto ai compensi degli amministratori di societa' controllate da pubbliche amministrazioni, in quanto sebbene la Corte abbia dichiarato la richiesta di parere formulata dal Comu ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 1 novembre 2016 10:15

Imposta di soggiorno comunale: omissioni o ritardi nei riversamenti da parte dei gestori di strutture ricettive e il ravvedimento nel parere della Corte dei Conti

segnalazione del parere della Corte dei Conti Sezione Controllo Regione Emilia Romagna n. 96 del 25.10.2016

close icon

La Corte dei Conti, Sezione Controllo Regione Emilia Romagna, nell'ambito dell'Attivita' consultiva ai sensi dell'art. 7, co. 8, l. 131/2003 ha adottato il parere n. 96 del 25/10/2016 concerne l’applicabilità dell’istituto del ravvedimento di cui all’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, nelle ipotesi di omesso, tardivo o parziale riversamento, da parte dei gestori delle strutture ricettive, dell’imposta di soggiorno di cui all’art. 4, comma 1, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, nonché la possibilità per il Comune di introdurre l’istituto del ravvedimento, per le medesime fattispecie, con propria norma regolamentare, nei termini già disciplinati dal citato art. 13 del d.lgs. n.472/1997. Per la Corte alla luce del vigente quadro normativo, come individuato dalla giurisprudenza contabile e amministrativa, il rapporto che si instaura tra il gestore della struttura ricettiva e l’ente destinatario dell’imposta di soggiorno non è qualificabile quale rapporto di carattere tributario, ma quale rapporto di natura contabile. Da ciò ne consegue la non riconducibilità al novero delle violazioni tributarie delle omissioni e dei ritardi nel versamento del tributo ascrivibili al soggetto gestore, ma la loro sanzionabilità ex art. 7-bis del Tuel, che consente ai regolamenti comunali di fissare sanzioni amministrative pecuniarie (le cui misure edittali minime e massime, considerato anche quanto prevede in via generale l’art. 16, secondo comma, della legge 24 novembre 1981, n. 689, devono essere ricomprese tra 25 e 500 euro) e fatta salva l’eventuale responsabilità penale del trasgressore. Quanto alla possibilità di disciplinare autonomamente l’istituto del ravvedimento operoso per le violazioni compiute dal gestore della struttura, tale possibilità non si ritiene possa trovare supporto nel rinvio alla previsione dell’art. 13 del d.lgs. n. 472/1997, trattandosi di disposizione che opera solo per le violazioni di carattere tributario e, come tale, deve considerarsi inapplicabile agli adempimenti che si collocano al di fuori del rapporto tributario, quale quello che grava sui gestori delle strutture ricettive. Tuttavia, fatta salva ogni valutazione sull’effettiva razionalità della disciplina eventualmente adottata, non può escludersi che una modalità definitoria preventiva di violazioni amministrative compiute dal gestore della struttura ricettiva venga autonomamente disciplinata dall’ente locale nell’ambito della generale previsione di cui all’art. 52, comma 1, del d.lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, secondo la quale “Le province ed i comuni possono disciplinare con regolamento le proprie entrate, anche tributarie, salvo per quanto attiene alla individuazione delle fattispecie imponibili, dei soggetti passivi e dell’aliquota massima dei singoli tributi, nel rispetto delle esigenze di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti…”. Per approfondire scarica il parere

segnalazione del parere della Corte dei Conti Sezione Controllo Regione Emilia Romagna n. 96 del 25.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La Corte dei Conti, Sezione Controllo Regione Emilia Romagna, nell'ambito dell'Attivita' consultiva ai sensi dell'art. 7, co. 8, l. 131/2003 ha adottato il parere n. 96 del 25/10/2016 concerne l’applicabilità dell’istituto del ravvedimento di cui all’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 18 ottobre 2016 21:29

Esercizio delle funzioni fondamentali delle Province: assegnazione di un contributo pari a 48 milioni di euro

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 18.10.2016

close icon

Il Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni, fa presente che in data 17 ottobre 2016 è stato definito il decreto interdipartimentale del Ministero dell’interno-Dipartimento per gli affari interni e territoriali, di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per gli affari regionali e le autonomie, concernente il riparto delle risorse, pari complessivamente a 48 milioni di euro, a favore delle province delle regioni a statuto ordinario per l'esercizio delle funzioni fondamentali, previsto dall'art. 7 bis, comma 1, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, introdotto dalla legge di conversione 7 agosto 2016, n. 160. Il provvedimento, che sarà pubblicato a breve nella Gazzetta Ufficiale, è stato predisposto a seguito dell’intesa sancita nella seduta del 27 settembre scorso dalla Conferenza Stato-città ed autonomie locali in merito ai criteri e agli importi del predetto riparto, intesa che ha recepito la proposta dell’Unione delle Province d’Italia. Le quote attribuite a ciascuna provincia, per l’anno 2016, sono consultabili nella tabella allegata, per le variazioni di bilancio degli Enti interessati. Vai al decreto

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 18.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Il Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni, fa presente che in data 17 ottobre 2016 è stato definito il decreto interdipartimentale del Ministero dell’interno-Dipartimento per gli affari interni e territoriali, di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 18 ottobre 2016 21:15

Province delle regioni a statuto ordinario: assegnazione di un contributo pari a 100 milioni di euro per la manutenzione straordinaria della rete viaria

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 18.10.2016

close icon

Il Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni e territoriali fa presente che in data 17 ottobre 2016 è stato definito il decreto interdipartimentale del Ministero dell’interno, di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per gli affari regionali e le autonomie, concernente il riparto delle risorse, pari complessivamente a 100 milioni di euro, a favore delle province delle regioni a statuto ordinario, per l'attività di manutenzione straordinaria della rete viaria, previsto dall’art. 7-bis, comma 2, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, introdotto dalla legge di conversione 7 agosto 2016, n. 160. Il provvedimento, che sarà pubblicato a breve nella Gazzetta Ufficiale, è stato predisposto a seguito dell’intesa sancita nella seduta del 15 settembre scorso dalla Conferenza Stato-città ed autonomie locali in merito ai criteri e agli importi del predetto riparto, intesa che ha recepito la proposta dell’Unione delle Province d’Italia. Si rendono note le quote del contributo attribuite a ciascuna provincia, per l’anno 2016, consultabili nella tabella allegata, per le variazioni di bilancio degli Enti interessati. Vai al decreto

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 18.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Il Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni e territoriali fa presente che in data 17 ottobre 2016 è stato definito il decreto interdipartimentale del Ministero dell’interno, di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per gli affari regionali e le autonomi ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 6 ottobre 2016 20:17

Mutui e prestiti obbligazionari da parte dei comuni: concorso erariale per l’estinzione anticipata totale o parziale

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

close icon

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali è stato pubblicato il comunicato del 6.10.2016 recante "Concorso erariale per l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari da parte dei comuni" con il quale si comunica che è in corso di perfezionamento il decreto del Ministero dell’interno di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze , previsto dall’articolo 9 – ter del decreto legge n. 113 del 24 giugno 2016, come modificato dalla legge 7 agosto 2016, di approvazione della certificazione relativa alla comunicazione da parte dei soli comuni dei costi sostenuti o da sostenere per l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari effettuate nell’anno 2016, che è possibile consultare alla pagina web: http://finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com061016c_all.pdf. Non appena si concluderà l’iter amministrativo sarà cura di questa Direzione Centrale diramare, con un nuovo comunicato, le istruzioni necessarie per l’invio da parte dei comuni interessati del certificato in argomento.

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali è stato pubblicato il comunicato del 6.10.2016 recante "Concorso erariale per l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari da parte dei comuni" con il quale si comunica che è in ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 6 ottobre 2016 20:13

Città metropolitane e province delle regioni a statuto ordinario: Assegnazione di un contributo pari a 20,4 milioni di euro per il trattamento economico al personale soprannumerario

Segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

close icon

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Tertitoriali è stato pubblicato il comunicato recante "Città metropolitane e province delle regioni a statuto ordinario -Assegnazione di un contributo pari a 20,4 milioni di euro complessivi, per la corresponsione del trattamento economico al personale soprannumerario". In attesa del perfezionamento del decreto interministeriale, di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per gli affari regionali e le autonomie, concernente l'attribuzione alle Città metropolitane ed alle province delle regioni a statuto ordinario, per il 2016, di un contributo pari a 20,4 milioni di euro, per la corresponsione del trattamento economico al personale soprannumerario, previsto dall'art. l, comma 764, della legge di stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208), si rendono note le quote del contributo attribuite a ciascuna Città metropolitana e provincia, per l'anno 2016, consultabili nella tabella. Scarica la tabella

Segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Tertitoriali è stato pubblicato il comunicato recante "Città metropolitane e province delle regioni a statuto ordinario -Assegnazione di un contributo pari a 20,4 milioni di euro complessivi, per la corresponsione del tratta ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 6 ottobre 2016 20:08

Province: contributo di 100 milioni per la manutenzione straordinaria della rete viaria

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

close icon

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni e territoriali è stato pubblicato il comunicato recante "Province delle regioni a statuto ordinario - Assegnazione di un contributo pari a 100 milioni di euro complessivi, per la manutenzione straordinaria della rete viaria". In particolare, in attesa del perfezionamento del decreto interdipartimentale di concerto con la Ragioneria generale dello Stato ed il Ministero per gli affari regionali e le autonomie, concernente l'attribuzione alle province delle regioni a statuto ordinario, per il 2016, di un contributo pari a 100 milioni di euro, per l'attività di manutenzione straordinaria della rete viaria, previsto dall’art. 7-bis, comma 2, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, introdotto dalla legge di conversione 7 agosto 2016, n. 160, si rendono note le quote del contributo attribuite a ciascuna provincia, per l’anno 2016, consultabili nella tabella. Vai al documento.

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 6.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Sul sito del Ministero dell'Interno, Dipartimento degli Affari Interni e territoriali è stato pubblicato il comunicato recante "Province delle regioni a statuto ordinario - Assegnazione di un contributo pari a 100 milioni di euro complessivi, per la manutenzione straordinaria della rete viaria". ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 5 ottobre 2016 14:37

Province delle regioni a statuto ordinario: assegnazione di un contributo pari a 48 milioni di euro

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 5.10.2016

close icon

Il Ministero dell'Interno - in attesa del perfezionamento del decreto interdipartimentale concernente l’assegnazione alle province delle regioni a statuto ordinario di risorse, pari complessivamente a 48 milioni di euro, per l'esercizio delle funzioni fondamentali, previso dall'art. 7 bis, comma 1, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, introdotto dalla legge di conversione 7 agosto 2016, n. 160 - ha reso note le quote del contributo attribuite a ciascuna provincia, per l’anno 2016. Per approfondire scarica la tabella.

segnalazione del comunicato del Ministero dell'Interno del 5.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Il Ministero dell'Interno - in attesa del perfezionamento del decreto interdipartimentale concernente l’assegnazione alle province delle regioni a statuto ordinario di risorse, pari complessivamente a 48 milioni di euro, per l'esercizio delle funzioni fondamentali, previso dall'art. 7 bis, comma 1, ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 20 settembre 2016 12:21

Corte dei Conti: il parere sulla corresponsione del diritto di rogito ai segretari comunali

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della Deliberazione n. 74/2016/PAR della Sezione Controllo Regione Emilia Romagna del 15.9.2016

close icon

"L’art. 10 della l.114/2014 ha disposto l’integrale destinazione ai Comuni dei diritti di rogito, abrogando, al contempo, la riserva in precedenza destinata ai segretari comunali. Si fa eccezione (comma 2-bis) a vantaggio dei soli segretari di fascia C, in quanto tali privi di qualifica dirigenziale, a differenza dei colleghi di fascia A e B, o di trattamento equiparato alla dirigenza (per il cosiddetto “galleggiamento” ex art.41 CCNL di categoria), nel caso vi sia presenza di dirigenti nel comune nel quale operano. Il principio è stato fissato in sede nomofilattica dalla Sezione Autonomie della Corte con deliberazione 24 giugno 2015 n.21/SEZAUT/2015/QMIG. La diversa sentenza del Tribunale di Milano, in funzione di giudice del lavoro (18 maggio 2016) non fornisce elementi tali da far riconsiderare l’orientamento univoco della Corte dei conti". È questa la sintesi del parere reso dalla Sezione Controllo Regione Emilia Romagna con la Deliberazione n. 74/2016/PAR del 15.9.2016 di seguito trascritto. Quesito: Il Sindaco di Torrile ha inoltrato a questa Sezione una richiesta di parere avente a oggetto l’interpretazione dell’art. 10, comma 2-bis, del d.l. 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, in materia di corresponsione del diritto di rogito ai segretari comunali. In premessa il citato Sindaco richiama la deliberazione n.105/2015/PAR resa da questa Sezione il 27 maggio 2015, la deliberazione n.21/SEZAUT/2015/QMIG del 4 giugno 2015, il parere reso in data 25 marzo 2016 dal Ministero dell’Economia e delle Finanze-Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato e da ultimo la sentenza n.75/2016 della Corte costituzionale. In particolare, il citato Sindaco, alla luce della sentenza della Corte costituzionale appena citata pone il seguente quesito: se spetti la liquidazione dei diritti di rogito ai segretari collocati nelle fasce professionali A e B che prestano servizio e rogano contratti nell’interesse di enti locali sprovvisti di personale di qualifica dirigenziale. Parere: L’art. 10 del dl 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge 11 agosto 2014, n. 114 è intervenuto riformando la legislazione allora vigente in materia di diritto di rogito dei segretari comunali. E’ stata innanzitutto disposta l’integrale destinazione ai Comuni dei diritti di rogito, sostituendo la precedente previsione contenuta nell’art. 30 della l. 15 novembre 1973, n.734 (come successivamente modificato dall’art. 25, comma 7, del dl 22 dicembre 1981, n. 786, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio 1982, n. 51) che assegnava ai Comuni il 90 per cento del gettito dei diritto di rogito, riservando il restante 10 per cento al Ministero dell’Interno per la costituzione di un fondo da utilizzare per corsi di formazione e sussidi per i segretari comunali. Con lo stesso articolo del provvedimento il legislatore ha abrogato l’art. 41, comma 4, della legge n. 312/1980 che riservava ai segretari comunali una quota pari al 75 per cento delle entrate da diritto di rogito di spettanza dei Comuni, fino a concorrenza di un terzo dello stipendio loro attribuito. La ratio evidente della riforma, quella di attribuire al Comune l’intero ammontare del gettito da diritto di rogito, abrogando al tempo stesso la consuetudine, poi sancita dall’ordinamento previgente, di riservare una quota delle prestazioni da rogito ai segretari comunali, ha trovato un temperamento nel comma 2-bis dell’art.10, introdotto in sede di conversione, a norma del quale “negli enti locali privi di dipendenti con qualifica dirigenziale, e comunque a tutti i segretari comunali che non hanno qualifica dirigenziale, una quota del provento annuale spettante al comune ai sensi dell'articolo 30, secondo comma, della legge 15 novembre 1973, n. 734, come sostituito dal comma 2 del presente articolo, per gli atti di cui ai numeri 1, 2, 3, 4 e 5 della tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n. 604, e successive modificazioni, è attribuita al segretario comunale rogante, in misura non superiore a un quinto dello stipendio in godimento”. Le ragioni di tale intervento parlamentare a temperare l’originaria previsione del decreto legge in sede di conversione sono agevolmente reperibili nei lavori preparatori, allorché, nella seduta del 25 luglio 2014 della I Commissione permanente (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) della Camera dei Deputati, l’emendamento che sarebbe poi stato approvato e inserito nel testo poi confermato in Assemblea, fu motivato dalla necessità di “tutelare i segretari comunali operanti nei comuni medio-piccoli, nei quali non sono presenti dipendenti con qualifica dirigenziale, riconoscendo loro i diritti di rogito, seppure in misura minore rispetto ad oggi”. Al contempo tale riconoscimento veniva escluso per i Segretari aventi qualifica dirigenziale in quanto per essi vale “il principio della onnicomprensività della retribuzione che vale per i dirigenti” (cfr. deliberazione n.49/2016/PAR della Sezione regionale di controllo per la Liguria) Occorre tenere presente che, ai sensi dell’art. 31 del CCNL di categoria, i Segretari comunali e provinciali sono classificati in tre diverse fasce professionali (C, B e A) cui corrisponde l’idoneità degli stessi alla titolarità di sedi di comuni (e province) differenziate a seconda della consistenza della popolazione amministrata (rispettivamente comuni fino a 3mila abitanti; comuni fino a 65mila abitanti, purché non capoluoghi di provincia; comuni di oltre 65mila abitanti, o capoluoghi di provincia, e province). Anche il trattamento retributivo è differenziato secondo le fasce, ma i Segretari di fascia B sono equiparati a quelli di fascia A (e quindi ai dirigenti) quanto a stipendio tabellare e indennità di posizione, mentre i Segretari comunali di fascia C percepiscono stipendio e indennità di importo ridotto (artt. 3 e 37 CCNL). Il quadro retributivo deve essere integrato con la previsione del principio del cosiddetto galleggiamento (art.41, comma 5, CCNL), in base al quale l’indennità di posizione del segretario comunale non deve essere “inferiore a quella stabilita per la posizione dirigenziale più elevata nell’ente in base al contratto collettivo dell’area della dirigenza o, in assenza di dirigenti, a quello del personale incaricato della più elevata posizione organizzativa”. Così prospettato, il quadro normativo vigente, integrato dalle previsioni del CCNL, sembra offrire, a tutta evidenza, una particolare tutela per i Segretari comunali di fascia C, in quanto destinatari di un trattamento retributivo inferiore. Infatti, mentre ai segretari di fascia A e B spetta in ogni caso il trattamento economico equiparato a quello dei dirigenti (art. 3, CCNL), per i segretari di fascia C l’equiparazione si realizza soltanto se nella struttura organizzativa del Comune sono presenti dirigenti. In tale ultimo caso la disposizione contrattuale, che assicura al Segretario tale garanzia economica deve intendersi come un corollario dell’art.97, comma 4 TUEL che chiama il Segretario a sovrintendere “allo svolgimento delle funzioni dei dirigenti” e a coordinarne l’attività. Ne consegue che i Segretari di fascia C, che operano in comuni con presenza di dirigenti, finiscono per godere di retribuzione più elevata rispetto ai pari fascia titolari di sedi di comuni nei quali non vi siano dirigenti. Pronunciandosi in sede nomofilattica sulla questione relativa alla corretta determinazione dei diritti di rogito da corrispondersi a seguito dell’entrata in vigore della legge n.114/2014, di conversione del decreto-legge n.90/2014, la Sezione delle Autonomie della Corte dei conti, con la deliberazione 24 giugno 2015, n.21/SEZAUT/2015/QMIG, condividendo la lettura propugnata dalla Sezione regionale di controllo per il Lazio (deliberazione n.21/2015/PAR) e successivamente da questa Sezione (deliberazione n.105/2015/PAR, citata), ha enunciato i seguenti principi di diritto: “Alla luce della previsione di cui all’art. 10 comma 2 bis del d.l.24 giugno 2014, n.90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014, n.114, i diritti di rogito competono ai soli segretari di fascia C. In difetto di specifica regolamentazione nell’ambito del CCNL di categoria successivo alla novella normativa i predetti proventi sono attribuiti integralmente ai segretari comunali, laddove gli importi riscossi dal comune, nel corso dell’esercizio, non eccedano i limiti della quota del quinto della retribuzione in godimento del segretario. Le somme destinate al pagamento dell’emolumento in parola devono intendersi al lordo di tutti gli oneri accessori connessi all’erogazione, ivi compresi quelli a carico degli enti”. ​​La Corte costituzionale, in sede di giudizio di legittimità costituzionale in via principale, si è pronunciata con sentenza in data 23 febbraio 2014, in merito al ricorso presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, avverso due articoli della legge regionale Trentino Alto Adige 9 dicembre 2014, n.11. In particolare, per quanto ci occupa in questa sede, ha stabilito che l’art.11 della legge regionale citata, che estende il diritto di rogito a tutti i segretari comunali, siano essi dirigenti o non dirigenti, in misura pari al settantacinque per cento del provento e fino al massimo di un quinto dello stipendio in godimento, non è in contrasto con l’art.10, comma 2-bis del decreto legge n.90/2014, come convertito dalla legge n.114/2014, che il Presidente del Consiglio dei ministri intende quale principio fondamentale di finanza pubblica, e pertanto non viola l’art.117, terzo comma della Costituzione. La censura relativa alla violazione di tale norma costituzionale non è fondata, in quanto “lo Stato, non concorrendo al finanziamento dei Comuni che insistono sul territorio della Regione autonoma Trentino-Alto Adige/Sudtirol, non può neppure adottare norme per il loro coordinamento finanziario, che infatti compete alla Provincia, ai sensi del …art. 79, comma 3 dello statuto”. “Del pari non fondata – aggiunge la Corte- è la censura relativa alla violazione dell’art.117, secondo comma, lettera l), Cost., perché la norma regionale si limita a richiamare, ai fini del riconoscimento dei diritti di segreteria, i medesimi atti previsti dalla legislazione statale, senza interferire minimamente con la loro disciplina positiva”. La Corte costituzionale dunque interviene a ribadire l’autonomia normativa della regione a statuto speciale, non potendosi invocare il principio del coordinamento della finanza pubblica, atteso che lo Stato non concorre al finanziamento dei Comuni che insistono sul territorio della Regione. Se tale è la ratio della pronuncia della Corte, appare dubbio che essa possa essere utilizzata come parametro di riferimento per la questione in esame relativa ad un comune soggetto al coordinamento statale della finanza pubblica. Tuttavia, successivamente, il Tribunale di Milano, in funzione di Giudice del Lavoro, è intervenuto nella questione dell’attribuzione dei diritti di rogito ai segretari comunali con la propria sentenza del 18 maggio 2016. In essa viene contestata l’interpretazione della Sezione Autonomie della Corte dei conti e si addiviene ad una diversa lettura della norma che estenderebbe “i diritti di segreteria a due categorie di segretari: sicuramente a quelli che non hanno qualifica dirigenziale (dovendosi intendere in essi quelli di fascia C che più che qualifica non hanno equiparazione retributiva con i dirigenti), ma anche a quelli che operano in enti che non hanno dipendenti con qualifica dirigenziale. In tale secondo gruppo, il legislatore non ha inteso fare distinzioni di fascia, ma solo subordinare la titolarità dei diritti ai segretari operanti in enti privi di dipendenti dirigenziali”. Per le ragioni esposte nella parte di merito, l’interpretazione della norma data dal Tribunale di Milano nella sentenza di primo grado non appare convincente e la Sezione ritiene di confermare l’orientamento esplicitato secondo i principi stabiliti in sede nomofilattica dalla Sezione delle autonomie

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della Deliberazione n. 74/2016/PAR della Sezione Controllo Regione Emilia Romagna del 15.9.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

"L’art. 10 della l.114/2014 ha disposto l’integrale destinazione ai Comuni dei diritti di rogito, abrogando, al contempo, la riserva in precedenza destinata ai segretari comunali. Si fa eccezione (comma 2-bis) a vantaggio dei soli segretari di fascia C, in quanto tali privi di qualifica dirigenzial ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 11 settembre 2016 23:34

Città metropolitane e Provincie: ripartizione ed attribuzione del Fondo sperimentale di riequilibrio per l'anno 2016

segnalazione del decreto del Ministeto dell'Interno pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2016 il DECRETO 6 settembre 2016 del MINISTERO DELL'INTERNO recante "Ripartizione ed attribuzione del Fondo sperimentale di riequilibrio per l'anno 2016 a favore delle citta' metropolitane e delle provincie delle regioni a statuto ordinario".

segnalazione del decreto del Ministeto dell'Interno pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2016 il DECRETO 6 settembre 2016 del MINISTERO DELL'INTERNO recante "Ripartizione ed attribuzione del Fondo sperimentale di riequilibrio per l'anno 2016 a favore delle citta' metropolitane e delle provincie delle regioni a statuto ordinari ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 21 agosto 2016 10:59

Enti territoriali: in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione sulle misure finanziarie urgenti

segnalazione della legge n. 160/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20.8.2016

close icon

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20.8.2016 la LEGGE 7 agosto 2016, n. 160 di "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio". Scarica il TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 24 giugno 2016, n. 113 note: Entrata in vigore del provvedimento: 21/08/2016

segnalazione della legge n. 160/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20.8.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20.8.2016 la LEGGE 7 agosto 2016, n. 160 di "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio". Scarica il TESTO COORDINATO DEL DE ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
venerdì 5 agosto 2016 16:51

Imu e Tasi: attribuzione di una ulteriore quota del Fondo di solidarietà comunale per l’anno 2016 per i minori gettiti

segnalazione del comunicato del Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali del 5.8.2016

close icon

Le disposizioni recate dall’articolo 1, commi da 10 a 16, 53 e 54, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità 2016), hanno introdotto rilevanti novità in tema di l’imposta municipale propria (IMU) e per il tributo per i servizi indivisibili (TASI). Conseguentemente il comma 17, lettera a), del medesimo articolo 1, ha previsto l’incremento, a decorrere dal 2016, della dotazione del Fondo di solidarietà comunale di 3.767,45 milioni di euro, per tenere conto dei minori gettiti per i comuni derivanti dalle agevolazioni previste dalle richiamate disposizioni.Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 maggio 2016, concernente la definizione e ripartizione delle risorse spettanti a titolo di Fondo di solidarietà comunale per l’anno 2016, ha disposto, sulla base dei dati di gettito disponibili, la ripartizione a favore dei comuni interessati della somma complessiva di euro 3.692.276.856,22 e che la restante quota, pari ad euro 75.173.143,78 sia distribuita con uno o più decreti del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali.Essendo stati acquisiti ulteriori dati relativi al gettito per l’anno 2015 della TASI dovuta per gli immobili adibiti ad abitazione principale - per un importo complessivo pari ad euro 31.274.413,00 - si è ritenuto opportuno procedere all’attribuzione di una ulteriore quota di pari importo del Fondo di solidarietà comunale 2016. Lo schema di provvedimento è stato assentito favorevolmente dalla Conferenza stato-città nella seduta straordinaria del 3 agosto u.s.Nelle more dell’emanazione dell’apposito decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, si ritiene opportuno, al solo fine di fornire dati utili per i bilanci comunali, rendere noti i valori della ulteriore quota di Fondo di solidarietà comunale attribuita per l’anno 2016 spettante ai singoli enti, visualizzabile nell’allegato A. Per una migliore comprensione dei criteri utilizzati per la determinazione degli importi spettanti è consultabile la relativa nota metodologica.

segnalazione del comunicato del Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali del 5.8.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Le disposizioni recate dall’articolo 1, commi da 10 a 16, 53 e 54, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità 2016), hanno introdotto rilevanti novità in tema di l’imposta municipale propria (IMU) e per il tributo per i servizi indivisibili (TASI). Conseguentemente il comma 17, letter ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
venerdì 5 agosto 2016 16:47

Personale cui è stata concessa l'aspettativa sindacale: contributo erariale 2016 per il finanziamento della spesa sostenuta nell'anno 2015

segnalazione del comunicato del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del 5.8.2016

close icon

Con provvedimento del 3 agosto 2016, è stato disposto il pagamento del contributo assegnato nell’anno 2016 alle Province, alle Città metropolitane, ai Liberi consorzi comunali, ai comuni, alle comunità montane nonché alle IPAB (ora ASP a seguito del riordino disciplinato dal D.LGS. 4 maggio 2001, n. 207), ad esclusione degli enti facenti parte delle regioni Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta, corrispondente alla spesa sostenuta per il personale cui è stata concessa l’aspettativa per motivi sindacali (da intendersi riferita all’istituto del distacco sindacale) nell’anno 2015, ai sensi dell’art. 1-bis del decreto legge 25 novembre 1996, n.599, convertito dalla legge 24 gennaio 1997, n.5.Gli enti beneficiari del predetto pagamento sono quelli che hanno trasmesso, entro il termine del 31 maggio 2016, con modalità esclusivamente telematica, la certificazione prevista al riguardo.Il pagamento di che trattasi è stato sospeso, ai sensi dell’articolo 161, comma 3, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nei confronti dei comuni e delle province che non hanno trasmesso al ministero dell’interno uno o più certificati di bilancio.Entro il 30 novembre 2016, prima della chiusura della contabilità finanziaria del corrente esercizio finanziario, verranno predisposti ulteriori pagamenti a favore degli enti che avranno nel frattempo provveduto a tale adempimento.Gli enti possono visualizzare gli importi corrisposti accedendo al prospetto allegato.

segnalazione del comunicato del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del 5.8.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Con provvedimento del 3 agosto 2016, è stato disposto il pagamento del contributo assegnato nell’anno 2016 alle Province, alle Città metropolitane, ai Liberi consorzi comunali, ai comuni, alle comunità montane nonché alle IPAB (ora ASP a seguito del riordino disciplinato dal D.LGS. 4 maggio 2001, n ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 28 luglio 2016 13:11

Patrimonio culturale italiano: il regime di aiuto per sostenere la filiera culturale e creativa e rafforzare la competitivita' delle micro piccole e medie imprese

segnalazione del decreto del MIBACT pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016 il DECRETO 11 maggio 2016 del MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO recante "Istituzione del regime di aiuto per sostenere la filiera culturale e creativa e rafforzare la competitivita' delle micro, piccole e medie imprese, finalizzato allo sviluppo ed al consolidamento del settore produttivo collegato al patrimonio culturale italiano - Asse Prioritario II del Programma Operativo Nazionale «Cultura e Sviluppo 2014-2020».

segnalazione del decreto del MIBACT pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016 il DECRETO 11 maggio 2016 del MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO recante "Istituzione del regime di aiuto per sostenere la filiera culturale e creativa e rafforzare la competitivita' delle micro, piccole e ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 28 luglio 2016 13:05

Avvocati: in G.U. la compensazione dei debiti fiscali con i crediti per spese, diritti e onorari per il patrocinio a spese dello Stato

segnalazione del decreto del MEF pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27.7.2016 il DECRETO 15 luglio 2016 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE sulle "Compensazione dei debiti fiscali con i crediti per spese, diritti e onorari spettanti agli avvocati ammessi al patrocinio a spese dello Stato".

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 13 luglio 2016 13:04

Bilancio di previsione 2016-2018 degli Enti Locali: le Linee guida ed il questionario per gli organi di revisione economico finanziaria

segnalazione delle delibera della Corte dei Conti pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016 Suppl. Ordinario n. 27

close icon

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016 - Supplemento Ordinario n. 27 la DELIBERA 9 giugno 2016 della CORTE DEI CONTI recante "Linee guida e relativo questionario per gli organi di revisione economico finanziaria degli enti locali per l'attuazione dell'articolo 1, commi 166 e seguenti della legge 23 dicembre 2005, n. 266. Bilancio di previsione 2016-2018". Per saperne di più scarica la Delibera n. 24/SEZAUT/2016/INPR.

segnalazione delle delibera della Corte dei Conti pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016 Suppl. Ordinario n. 27

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016 - Supplemento Ordinario n. 27 la DELIBERA 9 giugno 2016 della CORTE DEI CONTI recante "Linee guida e relativo questionario per gli organi di revisione economico finanziaria degli enti locali per l'attuazione dell'articolo 1, commi 166 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
 
 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.