ARCHIVIO

NOVITA' GIURISPRUDENZIALI

Giustizia e Affari Interni

giovedì 22 giugno 2017 08:11

Cosa cambia con la riforma del sistema penale

nota dell'Avv. Luca Petrucci e Avv. Giulio Vasaturo

close icon

La Camera dei Deputati, nel corso della seduta parlamentare del 14 giugno scorso, ha definitivamente approvato con 267 voti favorevoli e 136 contrari, la legge di riforma del codice penale, del codice di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario. Il legislatore ha così varato una revisione sistemica del nostro ordinamento punitivo, intervenendo sia sul piano sostanziale che sotto il profilo processuale ed esecutivo. Alcune fra le principali novità introdotte dal provvedimento in esame sono destinate ad entrare in vigore già nelle prossime settimane, trascorsi trenta giorni dalla pubblicazione del testo normativo in Gazzetta Ufficiale, ancorché occorra far attenzione alle specifiche regole di diritto transitorio che vanno a delimitare l’efficacia temporale di talune singole disposizioni. Altre rilevanti modifiche del rito penale e della disciplina penitenziaria saranno invece definite entro un anno dal Governo, in forza dell’ampia delega conferita dal Parlamento. Ecco, in sintesi, i contenuti dell’importante riforma normativa. DIRITTO PENALE SOSTANZIALE La novella legislativa introduce da subito una nuova causa estintiva dell’illecito penale a seguito di condotte riparatorie; cambia radicalmente il regime di prescrizione dei reati ed inasprisce il trattamento sanzionatorio per i delitti di furto, rapina e scambio elettorale politico-mafioso. Estinzione del reato per condotte riparatorie: Il nuovo art. 162 ter del codice penale stabilisce che nei casi di procedibilità a querela soggetta a remissione, il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ha riparato interamente, entro il termine massimo della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, il danno cagionato dal reato, mediante le restituzioni o il risarcimento, e ha eliminato, ove possibile, le conseguenze dannose o pericolose del reato. L’istituto normativo presuppone la preliminare verifica dell’entità del danno e della congruità del correlato risarcimento, consolidando un peculiare profilo “civilistico” di competenza del giudice penale. Al reo che dimostri di non aver potuto adempiere all’onere riparatorio per fatto a lui non addebitabile, il giudice può concedere una dilazione del termine (non superiore ad ulteriori sei mesi) per provvedere al pagamento, anche in forma rateale, di quanto dovuto a titolo di risarcimento. La pronuncia del giudice varrà ad arginare, a fronte dell’obiettiva sussistenza di una condotta riparatoria in grado di sanare integralmente gli effetti lesivi del reato, tutti quegli atteggiamenti ostruzionistici ed emotivi della persona offesa che, a volte, può essere indotta a respingere a priori ogni ipotesi “conciliativa”. La nuova causa di estinzione del reato trova applicazione anche ai processi in corso alla data di entrata in vigore della legge e, in ambito transitorio, anche in relazione a condotte riparatorie poste in essere successivamente alla dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado. Anche per i giudizi già in fase dibattimentale, si potrà dunque chiedere, alla prima udienza utile, la fissazione di un termine non superiore a sessanta giorni, per provvedere alla restituzioni, al pagamento di quanto dovuto a titolo di risarcimento e all’eliminazione, ove possibile, delle conseguenze dannose o pericolose del reato. Inasprimento delle pene per alcuni reati contro il patrimonio: la riforma sancisce l’aumento dei minimi edittali delle pene detentive, nonché un incremento delle pene pecuniarie per i reati di furto in abitazione e scippo (art. 624 bis c.p.) e per rapina (art. 628 c.p.), oltre ad una serie di modifiche in tema di circostanze aggravanti. Sono inoltre aumentate le pene per il reato di scambio elettorale politico-mafioso (art. 416 ter c.p.), per il quale si prevede la reclusione da 6 a 12 anni (sinora la pena prevista era da 4 a 10 anni). L’opzione del legislatore recepisce la crescente richiesta di severità punitiva che proviene dall’opinione pubblica, con riguardo a quelle fattispecie di criminalità predatoria e politica che vengono diffusamente percepite come straordinariamente odiose. Riforma della disciplina della prescrizione: la riforma introduce l’istituto della c.d. “prescrizione allungata” che è già oggetto di critiche vivacissime da parte dell’avvocatura e di taluni dubbi di costituzionalità, alla stregua diritto primario, certamente riconoscibile anche e soprattutto all’imputato, alla “ragionevole durata del processo penale” (art. 111 Cost.). - Decorrenza dei termini di prescrizione per reati in danno di minori: la novella prevede che, per alcuni delitti commessi a danno di minori (maltrattamenti in famiglia, tratta di persone, sfruttamento sessuale, violenza sessuale), il termine di prescrizione cominci a decorrere al compimento del diciottesimo anno di età della vittima, salvo che l’azione penale non sia stata esercitata in precedenza (nel qual caso il termine di prescrizione va computato a partire dal giorno dell’acquisizione della notitia criminis); - Sospensione della prescrizione: viene introdotta una inedita ipotesi di sospensione dei termini prescrittivi, a seguito della sentenza di condanna di primo grado. Il termine di prescrizione resta sospeso fino al deposito della sentenza di appello, e comunque per un tempo non superiore a 1 anno e 6 mesi. Successivamente alla decisione di secondo grado, il termine di prescrizione resta sospeso fino alla pronuncia definitiva e, comunque, per un ulteriore tempo non superiore a 1 anno e 6 mesi. La portata di questa disposizione che muta radicalmente la norma di cui all’art. 159 c.p. è evidente. Anche con riferimento a fattispecie che non destano particolare allarme sociale, viene consentito di protrarre il giudizio penale per un tempo amplissimo che, in taluni casi, può astrattamente coincidere con la parte preponderante della vita dell’imputato che pure è da ritenersi, in ogni caso, per un principio di eminente civiltà giuridica, presunto innocente (art. 27 Cost.). Si precisa, tuttavia, che in caso di assoluzione dell’imputato in appello, ovvero di annullamento della sentenza di condanna nella parte relativa all’accertamento della responsabilità o di dichiarazione di nullità della decisione di primo grado, i periodi di sospensione di un anno e sei mesi (per il giudizio di appello) e di un anno e sei mesi (per il giudizio di Cassazione) vanno ricomputati pro reo ai fini del calcolo del termine di prescrizione; - Effetto interruttivo della prescrizione derivante dall’interrogatorio di p.g.: viene disposto che anche l’interrogatorio reso dall’indagato alla polizia giudiziaria su delega del Pubblico Ministero determina l’interruzione (e non già la mera sospensione) del corso della prescrizione; - Estensibilità degli effetti dell’interruzione della prescrizione: la nuova disciplina stabilisce che l’interruzione della prescrizione opera con riguardo a tutti coloro che hanno commesso il reato, mentre la sospensione ha efficacia solo per gli imputati nei confronti dei quali si procede. In altri termini, colui che riesce a sottrarsi, almeno in una prima fase del procedimento, alle indagini ed al giudizio penale sarà comunque soggetto ai più gravosi effetti interruttivi della prescrizione mentre non verrà scalfito dai periodi di mera sospensione dei termini estintivi del reato che andranno ad incidere, esclusivamente, sui correi condannati in primo e secondo grado. L’interruzione della prescrizione non potrà comportare, ad ogni modo, l’aumento di più della metà del tempo massimo di prescrizione anche per le principali fattispecie di reato contro la pubblica amministrazione. Delega al Governo per la modifica del codice penale. La legge appena approvata attribuisce al Governo la delega per procedere, entro un anno, ad un’ulteriore riforma del codice penale (che entrerà in vigore dunque solo in futuro, allorché sarà definitivamente approntata dall’esecutivo). Il mandato del Parlamento prevede un penetrante intervento normativo sui seguenti istituti di diritto penale sostanziale: Regime di procedibilità per alcuni reati: andrà prevista la procedibilità a querela di parte offesa per i reati contro la persona puniti con la sola pena edittale pecuniaria o con la pena edittale detentiva non superiore, nel massimo, a 4 anni, fatta eccezione dei seguenti casi (per cui permarrà la procedibilità d’ufficio): - delitto di violenza privata (art. 610 c.p.) e reati contro il patrimonio; - quando la persona offesa è incapace per età o per infermità; - quando ricorrono particolari circostanze aggravanti; - nei reati contro il patrimonio, quando il danno arrecato alla persona offesa sia di rilevante gravità. Riforma delle misure di sicurezza personali: dovrà essere espressamente sancito il principio di irretroattività delle misure di sicurezza personali, per cui le stesse non potranno essere più applicate a seguito di fatti non preveduti come reato nel momento in cui sono stati commessi. Viene invocata la rivisitazione, con riferimento ai seminfermi di mente, del regime del cosiddetto «doppio binario», limitando l’applicazione congiunta di pena e misure di sicurezza personali solo ai soggetti responsabili dei reati di maggior allarme sociale (ex art. 407, comma 2, lett. a, c.p.p.), nella prospettiva del minor sacrificio possibile della libertà personale. Negli altri casi, dovrà essere prevista una forma di applicazione alternativa della sanzione propriamente punitiva rispetto alla misura di sicurezza e dovrà essere potenziato un diverso trattamento sanzionatorio del folle-reo, volto primariamente ad affrontare la patologia psichiatrica mediante il ricorso a trattamenti terapeutici o riabilitativi e mediante l’accesso a misure alternative, fatte salve eccezionali esigenze di tutela della collettività. Dovrà essere esplicitamente stabilita anche la durata massima delle misure di sicurezza personali e dovranno essere indicati nuovi strumenti per garantire l’accertamento periodico della pericolosità sociale dell’internato e, quindi, la revoca immediata delle misure di sicurezza personali allorché venga a cessare la pericolosità del reo. Di grande rilievo anche il mandato conferito al Governo per la revisione del modello definitorio dell’infermità mentale, con una peculiare considerazione, in conformità a consolidate posizioni scientifiche, dei disturbi della personalità. Verrà inoltre prevista, in caso di non imputabilità del reo per infermità totale di mente, l’adozione di nuove misure terapeutiche e di controllo da applicare tenendo conto della necessità di cura. Riforma del casellario giudiziale: Il Governo è delegato ad adottare un decreto legislativo per la revisione della disciplina del casellario giudiziale volto a favorire una maggiore protezione dei dati personali, la semplificazione e la riduzione degli adempimenti amministrativi, l’eliminazione delle iscrizioni pregiudizievoli al cittadino dopo un tempo ragionevole in relazione a fatti di modesta entità. DIRITTO PROCESSUALE PENALE La riforma interviene immediatamente sulla disciplina dell’incapacità dell’imputato a partecipare al processo; sulle disposizioni in materia di elezione di domicilio; sulle regole imposte nell’ambito delle indagini preliminari e sulle procedure inerenti l’archiviazione del procedimento penale. Definizione del procedimento per incapacità irreversibile dell’imputato: il nuovo art. 72 bis c.p.p. stabilisce che se lo stato mentale dell’imputato è tale da impedirne, in maniera irreversibile, la cosciente partecipazione al procedimento, il giudice pronuncia sentenza di proscioglimento, salvo che ricorrano i presupposti per l’applicazione di una misura di sicurezza diversa dalla confisca. Elezione di domicilio presso il difensore di ufficio: la novella legislativa emenda l’art. 162 bis c.p.p., disponendo, al comma 4 bis, che l’elezione di domicilio presso il difensore di ufficio non ha effetto in assenza di esplicito consenso del difensore domiciliatario, ritualmente comunicato all’autorità giudiziaria. Colloqui del difensore con il proprio assistito in custodia cautelare: la possibilità del GIP di impedire per non più di cinque giorni, su richiesta del Pubblico Ministero, i colloqui del difensore con il proprio assistito, a seguito di una misura restrittiva eseguita nel corso delle indagini preliminari, viene ora riconosciuta non più in via generalizzata ma, esclusivamente, con riguardo ai reati di maggior allarme sociale di cu all’art. 51, commi 3 bis e 3 quater, c.p.p. (nuovo art. 104, comma 3, c.p.p.). Informazioni sullo stato del procedimento alla persona offesa dal reato: viene espressamente previsto che la persona offesa dal reato possa chiedere informazioni sullo stato del procedimento penale, decorsi sei mesi dalla presentazione della sua denuncia o querela. Le informazioni potranno essere rese dall’autorità procedente a condizione che non pregiudichino il segreto investigativo (art. 335, comma 3 ter, c.p.p.). Accertamenti tecnici non ripetibili: ai sensi del nuovo art. 360, comma 4 bis, c.p.p., la riserva di promuovere incidente probatorio, espressa dall’indagato prima del conferimento dell’incarico al consulente del Pubblico Ministero, perde efficacia se l’incidente probatorio non è effettivamente richiesto entro dieci giorni; Avocazione delle indagini da parte del procuratore generale in caso di inerzia decisionale del PM: la riforma introduce una disposizione che mira concretamente a velocizzare l’iter decisionale del Pubblico Ministero. Viene stabilito che, allo scadere del termine di durata massima delle indagini preliminari, il PM dovrà decidere entro tre mesi se chiedere l’archiviazione o esercitare l’azione penale, non potendo dilungare ulteriormente il termine così fissato per ogni sua ineludibile determinazione circa la notizia di reato. In caso di inerzia decisionale del PM, l’indagine sarà avocata dal procuratore generale presso la Corte di Appello. Suscita qualche perplessità la previsione in forza della quale viene conferito allo stesso Pubblico Ministero l’onere di dare immediata comunicazione, al procuratore generale, della propria biasimevole negligenza decisionale. È facile ipotizzare che, prima che il PM proceda ad “autodenunciarsi” al procuratore generale, sarà ben più facile che lo stesso provveda alla valutazione della fondatezza della notizia di reato. Rimane ovviamente immutata, ancorché non esplicitamente prevista, la possibilità che la persona offesa o lo stesso indagato sollecitino direttamente l’avocazione delle indagini da parte del procuratore generale. Tale disposizione è stata fortemente osteggiata dagli organi di rappresentanza associativa della magistratura che hanno intravisto, nel nuovo termine perentorio imposto alle statuizioni interenti l’esercizio dell’azione penale, una intollerabile interferenza lesiva dell’autonomia del pubblico ministero. Termine per formulare opposizione alla richiesta di archiviazione: il termine concesso alla persona offesa per opporsi alla richiesta di archiviazione del procedimento penale passa da 10 a 20 giorni, in forza della modifica apportata all’art. 408, comma 3, c.p.p.. In caso di furto in abitazione o con strappo, oltre che per i delitti commessi con violenza alla persona, il termine per proporre opposizione alla richiesta di archiviazione viene invece incrementato sino a 30 giorni (e non più 20). Tempi del procedimento di archiviazione: la riforma indica tempi (ordinatori) precisi per la definizione del procedimento di archiviazione della notizia di reato. Nel caso in cui non condivida la richiesta del pubblico ministero, il giudice delle indagini preliminari dovrà fissare entro tre mesi la data dell’udienza in camera di consiglio e, successivamente ad essa, dovrà provvedere entro l’ulteriore termine di tre mesi nel caso in cui non ritenga necessarie altre investigazioni. Anche questa disposizione mira ad evitare dilatazioni eccessive nella durata delle indagini preliminari. Vengono inoltre previste alcune nuove cause di nullità del provvedimento di archiviazione del GIP che possono essere censurate dall’interessato, con apposito reclamo, innanzi al Tribunale in composizione monocratica (art. 410 bis c.p.p.). Impugnazione della sentenza di non luogo a procedere: la sentenza di non luogo a procedere emessa dal GUP all’esito dell’udienza preliminare è ora impugnabile in appello, anziché direttamente in Cassazione, a seguito della modifica legislativa incidente sull’art. 428 c.p.p.. Il provvedimento del giudice di appello potrà essere a sua volta censurato innanzi alla Suprema Corte ma solo per alcune specifiche violazioni di diritto. Giudizio abbreviato: la novella prevede, nel caso in cui la richiesta di rito abbreviato venga presentata dall’imputato subito dopo il deposito dei risultati delle indagini difensive, che il giudice provveda entro sessanta giorni, consentendo al pubblico ministero che ne faccia richiesta, di procedere ad indagini suppletive limitatamente ai temi introdotti dalla difesa. In tal caso l’imputato ha però facoltà di revocare la richiesta (art. 438, comma 4, c.p.p.). Viene formalmente specificato, a fronte di talune divergenze dottrinali e giurisprudenziali, che unitamente alla richiesta di giudizio abbreviato c.d. condizionato va proposta, quale istanza subordinata all’eventuale rigetto della scelta preferenziale del rito speciale, la richiesta di abbreviato c.d. secco, oppure di patteggiamento (art. 438, comma 5 bis, c.p.p.). Si stabilisce, inoltre, che la richiesta di giudizio abbreviato proposta nell’udienza preliminare vale a determinare la sanatoria delle nullità, sempre che non siano assolute, e la non rilevabilità delle inutilizzabilità, ad eccezione di quelle derivanti dalla violazione di un divieto probatorio. La scelta del rito abbreviato preclude altresì ogni questione sulla competenza per territorio del giudice (art. 438, comma 6 bis, c.p.p.). In caso di contravvenzione, la riduzione di pena prevista per la scelta del rito abbreviato viene aumentata alla metà e non già solo ad un terzo, come sin qui previsto. Patteggiamento: la riforma limita la possibilità di impugnare in Cassazione la sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti (c.d. patteggiamento), stabilendo che sia lo stesso giudice che ha emesso la sentenza a procedere, anche d’ufficio, alla correzione della specie o della quantità della pena applicata, in caso di mero errore nella denominazione o nel computo della sanzione penale. Il ricorso in Cassazione del PM o dell’imputato avverso la sentenza di patteggiamento può essere presentato, d’ora in poi, soltanto per motivi attinenti all’espressione della volontà dell’imputato, al difetto di correlazione tra la richiesta e la sentenza, all’erronea qualificazione giuridica del fatto e all’illegalità della pena o della misura di sicurezza (art. 448, comma 2 bis, c.p.p.). Requisiti della sentenza: la novella individua con rinnovata precisione i requisiti formali di cui il giudicante deve tener conto all’atto della redazione della sentenza. In tal senso, la pronuncia del giudice dovrà contenere la concisa esposizione dei motivi di fatto e di diritto su cui la decisione è fondata, con l’indicazione dei risultati acquisiti e dei criteri di valutazione della prova adottati e con l’enunciazione delle ragioni per le quali il giudice ritiene non attendibili le prove contrarie, con riguardo: 1) all’accertamento dei fatti e delle circostanze che si riferiscono all’imputazione e alla loro qualificazione giuridica; 2) alla punibilità e alla determinazione della pena e della misura di sicurezza; 3) alla responsabilità civile derivante dal reato; 4) all’accertamento dei fatti dai quali dipende l’applicazione di norme processuali (nuovo art. 546, comma 1, lett. e, c.p.p.). Disciplina delle impugnazioni: la legge appena varata dal Parlamento introduce rilevanti novità anche in tema di impugnazioni penali. Il ricorso in Cassazione, d’ora in avanti, non potrà più essere proposto personalmente dall’imputato ma sempre e solo a mezzo del suo difensore. L’atto di impugnazione dovrà inoltre contenere, a pena di inammissibilità, anche l’indicazione delle prove delle quali si deduce l’inesistenza o l’omessa o erronea valutazione, nonché delle richieste «anche istruttorie» (nuovo art. 581 c.p.p.). Concordato sui motivi in appello: la riforma reintroduce l’istituto del c.d. concordato sui motivi in appello, per cui le parti potranno accordarsi sull’accoglimento, in tutto o in parte, dei motivi appello, con rinuncia agli altri eventuali motivi. Se i motivi dei quali viene chiesto l’accoglimento comportano una nuova determinazione della pena, il pubblico ministero, l’imputato e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria indicano al giudice anche la pena sulla quale sono d’accordo. Tale forma di “giustizia concertata” è esclusa con riguardo ai procedimenti relativi ai reati di maggior allarme sociale (mafia, terrorismo ecc.), nonché per i delitti sessuali e, comunque, posti in essere da delinquenti abituali, professionali o per tendenza. La norma di cui all’art. 599 bis c.p.p., stabilisce espressamente altresì che spetterà al procuratore generale presso la Corte di Appello, sentiti i magistrati dell’ufficio e i procuratori della Repubblica del distretto, il compito di indicare «i criteri idonei a orientare la valutazione dei magistrati del pubblico ministero nell’udienza, tenuto conto della tipologia dei reati e della complessità dei procedimenti». Rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale in caso di appello: ai sensi del nuovo comma 3 bis che viene introdotto all’art. 603 c.p.p., nel caso di appello del pubblico ministero avverso una sentenza di proscioglimento per motivi attinenti alla valutazione della prova dichiarativa, il giudice deve necessariamente disporre la rinnovazione dell’istruzione dibattimentale. Viene in tal senso formalmente recepita un’indicazione giurisprudenziale già espressa nell’ambito della giustizia comunitaria. Ricorso in Cassazione: la riforma introduce misure volte a contenere ogni strumentale e dilatorio ricorso alla Suprema Corte. Con il provvedimento che dichiara inammissibile o rigetta l’impugnazione, la Cassazione potrà infatti condannare la parte privata che l’ha proposta a pagare una somma (da euro 258 ad euro 2065) che può essere aumentata fino al triplo, in ragione della causa di inammissibilità o di rigetto (art. 616 c.p.p.). Viene riconosciuta alla Corte la possibilità di dichiarare, senza alcuna formalità particolare, l’inammissibilità del ricorso nei casi di più lampante pretestuosità ed irregolarità ex art. 591 c.p.p.. A seguito di conferma della sentenza di proscioglimento da parte del giudice di appello, il ricorso per Cassazione è ora possibile solo per i vizi non strettamente attinenti alla pretesa illogicità della motivazione o alla mancata assunzione di una prova decisiva. La novella impone alle sezioni semplici della Suprema Corte di adire le Sezioni Unite, allorché non concordino con un principio di diritto già enunciato dal più eminente consesso della Cassazione. Rescissione del giudicato: alla stregua del nuovo art. 629 bis c.p.p., il condannato o il sottoposto a misura di sicurezza con sentenza passata in giudicato, nei cui confronti si sia proceduto in assenza per tutta la durata del processo, può ottenere la rescissione del giudicato qualora provi che l’assenza è stata dovuta ad una incolpevole mancata conoscenza della celebrazione del processo. Informazioni sull’azione penale relativa ai reati ambientali: la riforma dispone che il Pubblico Ministero, allorché esercita l’azione penale per i reati previsti nel codice dell’ambiente o per reati comunque comportanti un pericolo o un pregiudizio per l’ambiente, ha l’obbligo di dare «notizia dell’imputazione» anche al Ministero dell’Ambiente ed alla Regione interessata. Priorità ai processi per corruzione: fra i processi a cui va assicurata «priorità assoluta», ai sensi dell’art. 132 bis, disp. att. c.p.p., vengono ora annoverati, in forza dell’esplicita integrazione normativa, i giudizi per concussione e per le varie ipotesi di corruzione. Partecipazione al dibattimento a distanza: con la riforma del processo penale, la partecipazione a distanza al dibattimento penale, così come alle udienze civili, diviene regola imprescindibile per quanti si trovano in carcere per uno dei delitti previsti dall’art. 51, comma 3 bis, e 407, comma 2, lett. a), n. 4, c.p.p., fra cui risultano, fra gli altri, i reati di mafia e terrorismo. Anche al di là di tali ipotesi obbligatorie, il giudice può disporre con decreto motivato la partecipazione a distanza quando sussistano ragioni di sicurezza, qualora il dibattimento sia di particolare complessità e sia necessario evitare ritardi nel suo svolgimento, ovvero quando si deve assumere la testimonianza di persona a qualunque titolo in stato di detenzione presso un istituto penitenziario. Delega al Governo per la riforma del processo penale e dell’ordinamento penitenziario: nell’ambito dell’opera sistematica di revisione del codice di rito, viene attribuita al Governo la delega ad adottare decreti legislativi per la riforma della disciplina in materia di intercettazione di conversazioni o comunicazioni e di giudizi di impugnazione nel processo penale, nonché per la riforma dell’ordinamento penitenziario. A tali future e pur radicali innovazioni del nostro ordinamento è appena il caso di far richiamo, in questa sede, nell’attesa che si proceda concretamente alle singole modifiche normative, secondo i principi ed i criteri direttivi indicati dal Parlamento. L’intervento legislativo demandato all’esecutivo dovrà, in linea di massima, assicurare maggiore riservatezza alle registrazioni di conversazioni telefoniche e ambientali o alle comunicazioni informatiche e telematiche contenenti dati sensibili non penalmente rilevanti; dovrà regolare l’utilizzo dei captatori informatici (c.d. trojan) per fini investigativi; dovrà arginare ulteriormente il ricorso a pratiche dilatorie di impugnazione dei provvedimenti giudiziari. Il Governo viene inoltre sollecitato ad operare una integrale riforma dell’ordinamento penitenziario che sia in grado di favorire l’accesso alle misure alternative alla detenzione, la diffusione delle esperienze di giustizia riparativa, il lavoro intramurario, la tutela delle donne recluse e delle detenute madri. La delega legislativa in materia di intercettazioni dovrà essere esercitata dall’esecutivo entro tre mesi, mentre per le altre riforme in materia di impugnazioni ed ordinamento penitenziario si dovrà provvedere entro un anno dall’entrata in vigore della legge. Avv. Luca Petrucci – Avv. Giulio Vasaturo

nota dell'Avv. Luca Petrucci e Avv. Giulio Vasaturo

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La Camera dei Deputati, nel corso della seduta parlamentare del 14 giugno scorso, ha definitivamente approvato con 267 voti favorevoli e 136 contrari, la legge di riforma del codice penale, del codice di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario. Il legislatore ha così varato una revisione ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 23 maggio 2017 10:29

Porto d'armi: il Consiglio di Stato chiarisce quando può essere adottata la revoca o il diniego

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 23.5.2017

close icon

La Terza sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 23 maggio 2017 ha affermato che "Nel nostro ordinamento, l’autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale e le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie, per cui la richiesta di porto d’armi può essere soddisfatta solo nell’ipotesi che non sussista alcun pericolo che il soggetto possa abusarne, richiedendosi che l’interessato sia esente da mende e al di sopra di ogni sospetto o indizio negativo in modo tale da scongiurare dubbi e perplessità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica. Pertanto, la revoca o il diniego dell’autorizzazione possono essere adottate sulla base di un giudizio ampiamente discrezionale circa la prevedibilità dell’abuso dell’autorizzazione stessa, potendo assumere rilevanza anche fatti isolati, ma significativi (cfr. Cons. Stato, III, n. 5398/2014), e potendo l'Amministrazione valorizzare nella loro oggettività sia fatti di reato diversi, sia vicende e situazioni personali del soggetto che non assumano rilevanza penale, concretamente avvenuti, anche non attinenti alla materia delle armi, da cui si possa desumere la non completa “affidabilità” all’uso delle stesse (cfr. Cons. Stato, III, n. 3979/2013; n. 4121/2014). Sono rilevanti, a tal fine, oltre alle manifestazioni di aggressività verso le persone, anche senza l’impiego di armi, ed alle manifestazioni di scarso equilibrio o scarsa capacità di autocontrollo, la vicinanza ad ambienti della criminalità organizzata (cfr. Cons. Stato, III, n. 2406/2016) e finanche la frequentazione di persone gravate da procedimenti penali e di polizia (cfr. Cons. Stato, III, n. 5352/2016; n. 4242/2016; n. 3612/2016)." Per approfondire vai alla sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 23.5.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La Terza sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 23 maggio 2017 ha affermato che "Nel nostro ordinamento, l’autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale e le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie, per cui la richiesta di porto ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 17 maggio 2017 21:38

Appello: è inammissibile la mera riproposizione dei motivi di primo grado senza alcuna confutazione della statuizione del primo Giudice

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 12.5.2017

close icon

Per consolidato orientamento innanzi al Consiglio di Stato la pura e semplice riproposizione dei motivi di ricorso di primo grado (in assenza di una specifica indicazione dei motivi in concreto assorbiti e delle ragioni per cui ciascuno di essi viene riproposto in relazione alle diverse statuizioni della sentenza gravata) si pone in contrasto: con il generale principio della specificità dei motivi di appello; con il principio secondo cui è inammissibile la mera riproposizione dei motivi di primo grado, senza che sia sviluppata alcuna confutazione della statuizione del primo Giudice; con il principio secondo cui l'effetto devolutivo dell'appello non esclude l'obbligo dell'appellante di indicare nell'atto di appello le specifiche critiche rivolte alla sentenza impugnata e le ragioni per le quali le conclusioni cui il primo Giudice è pervenuto non sono condivisibili, non potendo il ricorso in appello limitarsi ad una generica riproposizione degli argomenti dedotti in primo grado (in tal senso –ex multis -: Cons. Stato, V, 31 marzo 2016, n. 1268; id., IV, 24 marzo 2016, n. 1223; id. VI, 19 gennaio 2016, n. 158). Per approfondire scarica la sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 12.5.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Per consolidato orientamento innanzi al Consiglio di Stato la pura e semplice riproposizione dei motivi di ricorso di primo grado (in assenza di una specifica indicazione dei motivi in concreto assorbiti e delle ragioni per cui ciascuno di essi viene riproposto in relazione alle diverse statuizioni ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 17 maggio 2017 21:01

Permesso di soggiorno: il requisito dei mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del soggiorno

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 12.5.2017

close icon

In sede di rinnovo di qualsiasi permesso di soggiorno il D.LGS n.286/1998, art. 4, comma 3 (a cui fa rinvio il successivo art. 5, comma 5), richiede di dimostrare la disponibilità di "mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del soggiorno", senza quantificare detta soglia di sufficienza; lo stesso comma 5 disciplina la revoca del permesso di soggiorno ordinario nel caso in cui vengono a mancare i requisiti previsti per il suo rilascio, ma fa un'espressa eccezione proprio per il requisito del reddito facendo salvi i casi di temporanea perdita di lavoro e di reddito ove si richiama l'art. 22, comma 9 (al posto del comma 11 per mero errore materiale come dimostra la corrispondente norma dell'art. 13 del regolamento attuativo di cui al DPR 399/1998). Inoltre l'art. 6, comma 5, dello stesso T.U.I. attribuisce all'Autorità di pubblica sicurezza il potere di richiedere agli stranieri "informazioni e atti comprovanti la disponibilità di un reddito, da lavoro o da altra fonte legittima, sufficiente al sostentamento proprio e dei familiari conviventi nel territorio dello Stato", senza specificare quale debba essere il reddito minimo, mentre il regolamento attuativo di cui al DPR n. 394/1999, all'art. 13, comma 2), precisa che "la disponibilità di un reddito, da lavoro o da altra fonte lecita, sufficiente al sostentamento proprio e dei familiari conviventi a carico" può essere accertata d'ufficio sulla base di una dichiarazione temporaneamente sostitutiva resa dall'interessato con la richiesta di rinnovo, escludendo espressamente i casi previsti dal comma 11 dell'art. 22 e cioè i casi in cui la temporanea perdita del posto di lavoro ha una specifica disciplina. Per approfondire scarica la sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 12.5.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

In sede di rinnovo di qualsiasi permesso di soggiorno il D.LGS n.286/1998, art. 4, comma 3 (a cui fa rinvio il successivo art. 5, comma 5), richiede di dimostrare la disponibilità di "mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del soggiorno", senza quantificare detta soglia di sufficienza; lo s ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 4 maggio 2017 13:55

Permesso di soggiorno: il requisito reddituale per il rilascio ed il rinnovo

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 28.4.2017

close icon

Riguardo ai criteri della valutazione del requisito reddituale, la Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 28.4.2017 ha richiamato i principi della giurisprudenza della Sezione sulla necessità di considerare il requisito mediante una valutazione non limitata al periodo pregresso ma estesa alle capacità reddituali prospettiche (cfr. in ultimo, Cons. Stato, III, n. 843/2017). Infatti, è consolidato l’orientamento secondo il quale, ai fini del rilascio e del rinnovo del permesso di soggiorno, costituisce condizione soggettiva non eludibile il possesso di un reddito minimo, in quanto attiene alla sostenibilità dell'ingresso dello straniero nella comunità nazionale, essendo finalizzato ad evitare l'inserimento di soggetti che non siano in grado di offrire un'adeguata contropartita in termini di lavoro e di partecipazione fiscale alla spesa pubblica e che, d’altra parte, la dimostrazione di un reddito di lavoro o di altra fonte lecita di sostentamento è garanzia che il cittadino extracomunitario non si dedichi ad attività illecite o criminose (cfr. tra le tante, Cons.Stato, III, n. 2227/2016; n. 2335/2015; n. 3596/2014). Anche se, ai fini del rinnovo, il requisito reddituale può essere soddisfatto mediante la dimostrazione di una capacità reddituale valutata in concreto, considerando (qualora i redditi nel periodo pregresso risultino insufficienti) le prospettive di maggior reddito desumibili dalla situazione al momento della valutazione dell’istanza (cfr., in ultimo, Cons. Stato, III, n. 4549/2016; n. 3569/2016; n. 5108/2015; n. 2699/2015), sempre con riferimento alla soglia di reddito desumibile, per il lavoro subordinato, dall’art. 29, comma 3, lettera b), anche richiamato dall’art. 22, comma 11, del d.lgs. 286/1998 (cfr., in ultimo, Cons. Stato, III, n. 2645/2015; n. 4652/2014; n. 3342/2014). Per approfondire vai alla sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 28.4.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Riguardo ai criteri della valutazione del requisito reddituale, la Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 28.4.2017 ha richiamato i principi della giurisprudenza della Sezione sulla necessità di considerare il requisito mediante una valutazione non limitata al periodo pregresso ma ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 25 aprile 2017 10:09

Mense scolastiche: somministrare un prodotto diverso da quello oggetto del capitolato di fornitura è reato

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. VI del 20.4.2017

close icon

L'art. 356 del codice penale rubricato "Frode nelle pubbliche forniture" punisce chiunque commette frode nella esecuzione dei contratti di fornitura o nell’adempimento degli altri obblighi contrattuali.In virtù di tale norma, il protagonista della vicenda giunta dinnanzi alla Corte di Cassazione, veniva condannato alla pena di otto mesi di reclusione e 1.000,00 euro di multa per avere somministrato ai bambini di una scuola materna comunale formaggio di marca diversa dal Parmigiano reggiano previsto nella fornitura.La Corte di Cassazione Sez. VI con sentenza pubblicata in data 20.4.2017 (Presidente: IPPOLITO Relatore: GIANESINI Data Udienza: 5.4.2017) ha, da un lato confermato che la somministrazione di un formaggio di qualità tipologica diversa rispetto a quella oggetto del capitolato di fornitura costituisce l'essenza del reato di frode nelle pubbliche forniture, ma dall'altro ha concesso una chance di assoluzione all'imputato.La Corte ha, infatti, accertato che i giudici non avevano valutato i motivi di impugnazioni con i quali l'imputato sosteneva la non utilizzazione del formaggio incriminato nella preparazione dei pasti in quanto il diverso formaggio pur presente nei locali della scuola, era stato reperito in buste chiuse ed il parmigiano reggiano era stato comunque acquistato.La sentenza di condanna è stata, quindi, annullata e gli atti sono stati rinviati alla Corte di Appello per la valutazione compiuta ed approfondita dei motivi di appello anzidetti, il tutto nella prospettiva della dimostrazione di quell'effettivo e reale uso, nella preparazione dei pasti, di un formaggio di qualità tipologica diversa rispetto a quella oggetto del capitolato di fornitura.Per approfondire scarica il testo integrale

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. VI del 20.4.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

L'art. 356 del codice penale rubricato "Frode nelle pubbliche forniture" punisce chiunque commette frode nella esecuzione dei contratti di fornitura o nell’adempimento degli altri obblighi contrattuali.In virtù di tale norma, il protagonista della vicenda giunta dinnanzi alla Corte di Cassazione, v ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 18 aprile 2017 14:30

Falsa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: le conseguenze penali

segnalazione della sentenza della Corte di Cassazione Sez. V Penale pubblicata in data 7.4.2017

close icon

La giurisprudenza di legittimità ha più volte affermato che al soggetto autore di una falsa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà siano effettivamente applicabili le sanzioni previste dall'art. 483 cod. pen.: ciò, ad esempio, laddove vengano rese false attestazioni circa gli stati, le qualità personali ed i fatti indicati nell'art. 46 del d.P.R. n. 445/2000 al fine di partecipare a una gara di appalto (Cass., Sez. V, n. 20570 del 10/05/2006, Esposito), oppure si affermi in difformità dal vero di aver completato opere edilizie entro i termini utili per la concessione in sanatoria (Cass., Sez. V, n. 21209 del 25/05/2006, Bartolazzi), ovvero ancora si dichiari falsamente di non avere mai riportato condanne penali con atto allegato ad un'istanza di iscrizione nel registro dei praticanti geometri (Cass., Sez. V, n. 48681 del 06/06/2014, Sola). Occorre, quale presupposto per l'applicazione della norma de qua, che la dichiarazione sostitutiva sia destinata a provare la verità dei fatti oggetto di rappresentazione al pubblico ufficiale, vale a dire che esista l'obbligo del privato di attestare il vero in base a disposizioni di legge che ricolleghino «specifici effetti all'atto-documento nel quale la dichiarazione è inserita dal pubblico ufficiale ricevente» (v. Cass., Sez. V, n. 18279 del 02/04/2014, Scalici, nonché Cass., Sez. V, n. 39215 del 04/06/2015, Cremonese, dove la configurabilità del delitto è stata esclusa in casi dove le false dichiarazioni erano state rese ad un curatore fallimentare, sull'avvenuta distruzione di documentazione contabile e societaria, e ad un notaio, sul precedente acquisto a titolo di usucapione di un bene oggetto di successiva vendita) ...Questa Corte, al riguardo, ha già messo in evidenza che le false dichiarazioni del privato concernenti la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge o dagli strumenti urbanistici per il rilascio di concessione edilizia, essendo destinate a dimostrare la verità dei fatti cui si riferiscono e ad essere "recepite" quali condizioni per la emanazione o per la efficacia dell'atto pubblico, producendo cioè immediati effetti rilevanti sul piano giuridico, sono idonee ad integrare, se ideologicamente false, il delitto di cui all'art. 483 cod. pen. [...]. Della ricorrenza del requisito in parola non hanno dubitato nemmeno le Sezioni Unite le quali, in una fattispecie in tutto analoga (presentazione di dichiarazione di privato circa il possesso dei requisiti per la partecipazione ad una gara d'appalto), hanno confermato la sussistenza del reato di cui all'art. 483 cod. pen. (Cass., Sez. U, n. 35488 del 28/06/2007, Scelsi). Ad avviso della consolidata giurisprudenza, in conclusione, la dichiarazione del privato resa con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, in presenza di una norma che preveda il ricorso a tale procedura, vale a far ritenere integrate anche l'ulteriore requisito richiesto dall'art. 483 cod. pen. (dichiarazione "in atto pubblico") ogni volta in cui la dichiarazione stessa sia destinata ad essere poi "trasfusa" in un atto pubblico. Viceversa e specularmente si è escluso, ad esempio, che integri il delitto di falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico la condotta del privato che attesti falsamente, con dichiarazione diretta al sindaco, l'ultimazione dei lavori di un fabbricato, quando tale dichiarazione non sia destinata a confluire in un atto pubblico e, quindi, a provare la verità dei fatti in essa attestati, come verificatosi nella ipotesi di dichiarazione finalizzata ad ottenere il rilascio del certificato di abitabilità» (Cass., Sez. V, n. 2978/2010 del 26/11/2009, Urso). Nella motivazione della pronuncia appena richiamata si legge altresì che non risulta sostenibile l'assunto secondo cui il requisito dato dalla necessità che il falso ideologico sia commesso dal privato "in atto pubblico" non sarebbe integrato dalla verifica che la falsa dichiarazione sia, in alternativa, "destinata ad essere trasfusa in atto pubblico", stante la diversità ontologica dei due concetti e l'esistenza - nel corpo dell'art. 495 cod. pen. - di una autonoma sanzione per l'ipotesi di "destinazione della dichiarazione ad essere riprodotta in atto pubblico". A tali osservazioni la sentenza Urso ribatte che «la ipotesi del falso ideologico commesso dal privato ai sensi dell'art.483 cod. pen. deve ritenersi integrata in tutti i suoi requisiti anche ulteriori per il combinato rilievo che l'atto si intende [...] ricevuto dal pubblico ufficiale nell'esercizio delle sue funzioni con la stessa attitudine a produrre gli effetti giuridici connessi alla dichiarazione dalla norma specifica che gli attribuisce l'obbligo di affermare il vero. Come già affermato dalle Sezioni Unite di questa Corte (Cass., Sez. U, n. 6 del 17/02/1999, Lucarotti) "oggetto della tutela penale in relazione al reato di cui all'art. 483 cod. pen. è l'interesse di garantire il bene giuridico della pubblica fede in quanto si attiene alla pubblica fede documentale attribuita agli atti pubblici non in relazione a ciò che vi attesta per suo fatto e di sua scienza il pubblico ufficiale documentante, ma per quello che vi assevera, mediante la documentazione del pubblico ufficiale, il dichiarante. Talché, è palese che il reato postula che il dichiarante abbia il dovere giuridico di esporre la verità" [...]. La situazione non è sostanzialmente mutata, ad avviso del Collegio, a seguito dell'abrogazione della legge n. 15 del 1968, attuata in via generale, da ultimo, dal d.lgs. n. 445 del 2000, art. 77, in seguito alla quale la sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio non deve più essere autenticata dal pubblico ufficiale, in quanto, come sopra precisato, quel che rileva, ai fini della sussistenza del delitto in questione, è la destinazione e lo scopo della falsa dichiarazione del privato e gli effetti di essa sul piano giuridico, che impongono una particolare tutela. Quanto alla particolare menzione, contenuta nell'art. 495 cod. pen. [...], è appena il caso di ricordare come si tratti di un inciso che reca un contributo assai opinabile alla tesi che qui si esclude. Infatti quell'inciso è stato eliminato dal legislatore nel testo vigente dell'art. 495 cod. pen., (come modificato con d.l. n. 92 del 2008), assieme alla menzione, separata, della dichiarazione "in atto pubblico", senza peraltro che tale modifica abbia impedito alla giurisprudenza di sostenere, pur in presenza del nuovo lessico normativo, che la condotta di "attestazione falsa", nonostante l'eliminazione del riferimento all'atto pubblico, continua a incriminare tuttora il soggetto che renda false dichiarazioni "attestanti", ovvero tese a garantire, il proprio stato od altre qualità della propria od altrui persona, destinate ad essere riprodotte in un atto fidefaciente idoneo a documentarle». La linea interpretativa ora illustrata, in chiara antitesi rispetto alle tesi sostenute nella sentenza oggetto di ricorso, risulta ribadita anche in pronunce successive (v. Cass., Sez. V, n. 42524 del 12/07/2012, Picone). Per approfondire scarica il testo integrale della sentenza.

segnalazione della sentenza della Corte di Cassazione Sez. V Penale pubblicata in data 7.4.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La giurisprudenza di legittimità ha più volte affermato che al soggetto autore di una falsa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà siano effettivamente applicabili le sanzioni previste dall'art. 483 cod. pen.: ciò, ad esempio, laddove vengano rese false attestazioni circa gli stati, le qual ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 18 aprile 2017 13:42

Parcheggio disabili: scatta la sanzione amministrativa se si parcheggia il veicolo negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli di persone invalide, scatta il penale se il parcheggio è assegnato nominativamente

segnalazione della sentenza della Sez. V Penale della Corte di Cassazione pubblicata in data 7.4.2017

close icon

Iniziamo dal fatto che vede i giudici del merito accertare che il veicolo di proprietà dell'imputato è rimasto parcheggiato nel posto riservato alla persona offesa, disabile, da prima delle 10.40 del 24 maggio 2009 alle 2.20 del giorno successivo, il 25 maggio 2009. Ciò aveva impedito al disabile di parcheggiare la propria autovettura nello spazio vicino a casa, assegnatole dal Comune a causa della sua disabilità. Rileva la Corte che "certo, se lo spazio fosse stato genericamente dedicato al posteggio dei disabili la condotta del ricorrente avrebbe integrato la sola violazione dell'art. 158, comma 2, Codice della strada, che punisce, appunto, con sanzione amministrativa, chi parcheggi il proprio veicolo negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli di persone invalide. Ma, in questo caso, quando lo spazio è espressamente riservato ad una determinata persona, per ragioni attinenti al suo stato di salute (come non si contesta essere avvenuto nel presente caso specifico), alla generica violazione della norma sulla circolazione stradale si aggiunge l'impedimento al singolo cittadino a cui è riservato lo stallo di parcheggiare lì dove solo a lui è consentito lasciare il mezzo". Sussiste, pertanto, per la Cassazione l'elemento oggettivo del delitto previsto e punito dall'art. 610 del codice penale rubricato "violenza privata" . Per approfondire scarica il testo integrale della sentenza.

segnalazione della sentenza della Sez. V Penale della Corte di Cassazione pubblicata in data 7.4.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Iniziamo dal fatto che vede i giudici del merito accertare che il veicolo di proprietà dell'imputato è rimasto parcheggiato nel posto riservato alla persona offesa, disabile, da prima delle 10.40 del 24 maggio 2009 alle 2.20 del giorno successivo, il 25 maggio 2009. Ciò aveva impedito al disabile d ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 9 aprile 2017 09:24

Diffamazione a mezzo stampa: il risarcimento del danno alla reputazione

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. I del 5.4.2017

close icon

«Nella diffamazione a mezzo stampa, il danno alla reputazione, di cui si invoca il risarcimento, non é "in re ipsa", ma richiede che ne sia data prova, anche a mezzo di presunzioni semplici». Lo ha ribadito la Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione nella sentenza pubblicata in data 5.4.2017 nella quale ha affermato che, nel caso esaminato, sono state indicate (vicenda svoltasi «in ambiente sociale di provincia», con «pregiudizio dei rapporti sociali» e «sofferenze morali soggettive») ma in questa sede non sono state specificamente censurate. Per approfondire scarica la sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. I del 5.4.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

«Nella diffamazione a mezzo stampa, il danno alla reputazione, di cui si invoca il risarcimento, non é "in re ipsa", ma richiede che ne sia data prova, anche a mezzo di presunzioni semplici». Lo ha ribadito la Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione nella sentenza pubblicata in data 5.4.201 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
lunedì 27 marzo 2017 19:22

Abuso d'ufficio: sí al reato anche per favoritismo

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. III del 15.3.2017

close icon

"In tema di elemento soggettivo del reato di abuso di ufficio, non è richiesta la prova della collusione del pubblico ufficiale con i beneficiari dell'abuso, essendo sufficiente la verifica del favoritismo posto in essere con l'abuso dell'atto di ufficio, prova che può essere desunta anche da elementi sintomatici come la macroscopica illegittimità dell'atto compiuto, o anche anche da una serie di indici fattuali, tra i quali assumono rilievo l'evidenza, reiterazione e gravità delle violazioni, la competenza dell'agente, i rapporti fra agente e soggetto favorito, l'intento di sanare le illegittimità con successive violazioni di legge". È questo il principio ribadito dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza pubblicata in data 15 marzo 2017 (Presidente: DI NICOLA _ Relatore: ACETO - Data Udienza: 01/02/2017). Per approfondire scarica la sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. III del 15.3.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

"In tema di elemento soggettivo del reato di abuso di ufficio, non è richiesta la prova della collusione del pubblico ufficiale con i beneficiari dell'abuso, essendo sufficiente la verifica del favoritismo posto in essere con l'abuso dell'atto di ufficio, prova che può essere desunta anche da eleme ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 12 marzo 2017 16:51

Cassazione: il conducente deve esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. IV Penale del 9.3.2017

close icon

«Il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole della comune diligenza e prudenza, ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza ed, in caso di sua renitenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l'intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall'obbligo e dalla sanzione a carico di chi deve fare uso della detta cintura» È questo il principio ribadito dalla Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza pubblicata in data 9.3.2017 (Presidente: ROMIS Relatore: CENCI - Data Udienza: 09/02/2017) in virtù del quale è stato rigettato il motivo di ricorso del conducente di un veicolo che, a seguito di un sinistro nel quale perdeva la vita la trasportata, si difendeva sostenendo l'impossibilità o difficoltà di constatare, in ragione del buio, il mancato uso della cintura di sicurezza da parte della trasportata, sbalzata fuori dall'auto nel corso dell'incidente. Per approfondire scarica il testo integrale della sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. IV Penale del 9.3.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

«Il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole della comune diligenza e prudenza, ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza ed, in caso di sua renitenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l'intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall'obbligo e dalla sa ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
sabato 11 marzo 2017 09:31

Porto d'armi: l'irrilevanza ai fini del rilascio della licenza del tipo di attività professionale o economica svolta dal richiedente

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.3.2017

close icon

La disciplina del rilascio della licenza di porto d’armi è orientata alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. La regola generale, nel nostro ordinamento, è il divieto, per i cittadini, di portare le armi, sancito dall’art. 699 cod. penale e dall’art. 4, co. 1, della legge n. 110 del 1975. La giurisprudenza del Consiglio di Stato, confortata da pronunce della Corte Costituzionale (cfr. Corte Cost. 16 dicembre 1993, n. 440) ormai costantemente afferma che il porto d’armi costituisce eccezione al normale divieto di portare le armi e le valutazioni in ordine al rilascio o al rinnovo sono sindacabili solo per illogicità o carenza della motivazione, ma non per i profili di merito della discrezionalità dell’autorità prefettizia (tra le molte, cfr. CdS, III sez, n. 3604/2016). Il Ministero dell’Interno, attraverso le sue articolazioni centrali e periferiche, ben può effettuare valutazioni – che attengono al merito della tutela della sicurezza pubblica – in ordine ai criteri per il rilascio ed il rinnovo della licenza di porto d’arma, tenendo conto sia del particolare momento storico, sia della peculiarità delle situazioni locali, sia dell’influenza dei predetti fattori su determinate attività o professioni. A quest’ultimo proposito va osservato che manca alcuna previsione normativa sul rilascio della licenza “ratione personae” per imprenditori, avvocati, commercianti, ecc., sicché l’appartenenza ad una “categoria” non ha uno specifico rilievo, tale da giustificare il rilascio o il rinnovo della licenza. Occorre, allora, esclusa la rilevanza del tipo di attività professionale o economica, che il richiedente dimostri con elementi specifici ed attuali il “bisogno” di portare l’arma, richiedendo per se stesso una protezione personale ulteriore rispetto a quella che, per tutti i cittadini, è istituzionalmente assicurata dagli organismi statali di sicurezza pubblica. Per approfondire scarica la sentenza

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.3.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La disciplina del rilascio della licenza di porto d’armi è orientata alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. La regola generale, nel nostro ordinamento, è il divieto, per i cittadini, di portare le armi, sancito dall’art. 699 cod. penale e dall’art. 4, co. 1, della legge n. 110 del 1 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
giovedì 23 febbraio 2017 12:02

Impugnazione della sentenza: il termine lungo e la tardiva comunicazione da parte della cancelleria del deposito della sentenza

segnalazione del Prof. Avv. enrico michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 7.2.2017

close icon

Nella controversia in esame l’appello è stato dichiarato irricevibile per tardività, essendo esso stato notificato in data 7 aprile 2016, mentre la sentenza impugnata è stata depositata il 25 luglio 2015, quindi è inutilmente spirato il termine “lungo” di sei mesi decorrenti dalla data del deposito della sentenza ( peraltro dimidiato nel caso di specie a tre mesi ai sensi del combinato disposto degli articoli 92 e 119, commi 1, lettera b) e 6, del c.p.a.). La Sesta Sezione del Consiglio di Stato nel dichiarare l'irrecivibilità dell'appello ha altresì affermato che "La tardiva comunicazione del deposito della sentenza da parte della cancelleria del TAR non è idonea a differire il decorso del termine lungo. Ai sensi dell’art. 92, comma 3, c.p.a., «[i]n difetto della notificazione della sentenza», l’appello e le altre impugnazioni «devono essere notificati entro sei mesi dalla pubblicazione della sentenza» (analogamente dispone l’art. 327, comma 1, c.p.c.). In base all’art. 89, comma 2, c.p.a., la sentenza, dopo la sua sottoscrizione, «è immediatamente resa pubblica mediante deposito nella segreteria del giudice che l’ha pronunciata» (così anche l’art. 133, comma 1, c.p.c.). Di tale deposito il segretario dà atto apponendo in calce alla sentenza data e firma (art. 89, comma 3, c.p.a.). La previsione di un termine decadenziale di impugnazione indipendente dalla notificazione della sentenza (e da ogni altra comunicazione) trova fondamento nella necessità di sottrarre la pronuncia del giudice ad ogni discussione sulla sua incontrovertibilità. L’ampiezza del termine semestrale consente al soccombente di informarsi tempestivamente della decisione che lo riguarda, facendo uso della diligenza dovuta “in rebus suis”, a meno che la parte rimasta contumace non dimostri di non avere avuto alcuna conoscenza del processo. Del resto, quando ha voluto, il legislatore ha espressamente attribuito rilievo processuale alla comunicazione del provvedimento ad opera della cancelleria, quale adempimento da cui decorre il termine di decadenza per il gravame (cfr. l’art. 1, comma 62, della l. n. 92 del 2012; l’art. 348-ter, comma 3, c.p.c.; l’art. 18, comma 13, l. fall.). Il carattere derogatorio e speciale di tali disposizioni risulta anche dal nuovo testo dell’art. 133, comma 2, c.p.c., secondo cui: «la comunicazione non è idonea a far decorrere i termini per le impugnazioni di cui all’art. 325 c.p.c.» (quindi a maggior ragione non è idonea a far decorrere il termine “lungo”). Anche secondo la giurisprudenza costante della Corte di Cassazione, il termine annuale di impugnazione previsto dall’art. 327 c.p.c. è stabilito a pena di decadenza e decorre in ogni caso dalla pubblicazione della sentenza mediante deposito in cancelleria, senza che rilevi l’omessa comunicazione da parte del cancelliere, a carico del quale può dar luogo solo ad una sanzione disciplinare (Cass., sentenze n. 17704 del 2010; n. 16004 del 2009; n. 11910 del 2003, n. 15778 del 2007, le quali hanno anche condivisibilmente ritenuto manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 327 c.p.c. in riferimento all’art. 24 Cost.). Da ultimo, la decadenza da un termine processuale, ivi compreso quello per impugnare, non può ritenersi incolpevole e giustificare, quindi, la rimessione in termini, ove sia avvenuta (come nella specie) per errore di diritto.". Per approfondire scarica la sentenza

segnalazione del Prof. Avv. enrico michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 7.2.2017

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Nella controversia in esame l’appello è stato dichiarato irricevibile per tardività, essendo esso stato notificato in data 7 aprile 2016, mentre la sentenza impugnata è stata depositata il 25 luglio 2015, quindi è inutilmente spirato il termine “lungo” di sei mesi decorrenti dalla data del deposito ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 15 novembre 2016 17:06

Per la Corte di Giustizia Europea non può essere dichiarata la prescrizione nei casi di frode grave che ledono gli interessi finanziari della Unione: la Cassazione critica la Corte Europea

nota a sentenza della Cassazione Sez. III penale n. 44584/16 a cura dell'Avv. Luca Petrucci e dell'Avv. Giulio Vasaturo

close icon

La giurisprudenza, diceva Ulpiano, è la conoscenza di cose umane e divine, la scienza del giusto e dell’ingiusto. Se tanto elevata è la meta, nessuno può meravigliarsi se questo nobilitante percorso di sapientia iuris coincida, sempre più spesso, con una salita faticosa, da intraprendere lungo un sentiero che a tratti può farsi molto incerto, sino a mettere a dura prova la capacità d’orientamento dell’impavido viandante del diritto. Le pronunce con cui la Suprema Corte ha dato prima applicazione all’ormai celebre sentenza Taricco della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (sentenza 8 settembre 2015, C-105/14) rendono in pieno, al di là di ogni suggestione letteraria, gli ostacoli che condizionano in maniera del tutto particolare il lavoro dell’esegeta della legge penale. Com’è noto, con la decisione citata, la Corte di Lussemburgo ha imposto il potere-dovere di disapplicare la disciplina penale interna in materia di prescrizione, allorché la normativa nazionale impedisca di infliggere sanzioni effettive e dissuasive in un numero considerevole di casi di frode grave che ledono gli interessi finanziari dell’Unione o comunque preveda, con riferimento ad analoghi reati incidenti su interessi finanziari soltanto nazionali, termini di prescrizione più lunghi. Nel giro di pochi mesi, la Corte di Cassazione è già intervenuta più volte per sottoporre a critica il dictum della sentenza Taricco, consapevole della carica dirompente che un simile monito può assumere nel nostro ordinamento giuridico, all’interno del quale l’istituto della prescrizione costituisce un fondamentale presidio di garanzia a tutela della persona rispetto alla pretesa punitiva dello Stato (in tal senso, si v. fra tutte Cass., sez. IV penale, sentenza 25 gennaio 2016, dep. 26 febbraio 2016, n. 7914). In attesa che la Consulta definisca i “controlimiti” da frapporre ai vincoli che discendono, anche nel delicatissimo ambito penale, dall’appartenenza all’Unione Europea (come sollecitata da Cass., sez. III penale, ord. 30 marzo 2016, n. 28346; Cass., sez. III penale, ord. 31 marzo 2016, n. 33538 e da Corte di Appello di Milano, sez. II penale, ord. 18 settembre 2015), la Suprema Corte non ha mancato di rilevare come il dettato della sentenza Taricco rischi di configgere clamorosamente con i parametri inderogabili di legalità, sotto i profili della riserva di legge, di tassatività e di irretroattività della norma penale, sanciti dalla Costituzione italiana.Con la pronuncia in esame (Cass., sez. III penale, sentenza 7 giugno 2016, dep. 24 ottobre 2016, n. 44584), il sommo collegio torna nuovamente sulla controversa questione, fissando alcuni criteri essenziali che valgono, almeno in parte, ad arginare in questa fase transitoria l’annoso conflitto giurisprudenziale. Come osserva il giudice di nomofilachia, i requisiti integranti l'illegittimità comunitaria per ineffettività della complessiva disciplina sanzionatoria delle frodi sotto il profilo dell'eccessiva brevità del termine prescrizionale complessivo a seguito di interruzione, sono: 1) la pendenza di un procedimento penale riguardante "frodi gravi" in materia di imposta sul valore aggiunto; 2) l’ineffettività delle sanzioni previste "in un numero considerevole di casi di frode grave" che ledono gli interessi finanziari dell'Unione europea. Il punto dolente, però, è che «la sentenza Taricco non determina tali requisiti nei loro esatti confini». La Suprema Corte prova così a colmare l’insidiosa lacuna stabilendo, in primis, quanto al requisito della gravità della frode, che debba darsi rilievo «alla quantità dell'imposta evasa e alle modalità attraverso le quali la frode è stata posta in essere, tenendo comunque presente che nel concetto di “frode” grave, suscettibile di ledere gli interessi finanziari dell'UE, devono ritenersi incluse, nella prospettiva dell'ordinamento penale italiano, non soltanto le fattispecie che contengono il requisito della fraudolenza nella descrizione della norma penale (…), ma anche le altre fattispecie che, pur non richiamando espressamente tale connotato della condotta, siano dirette all'evasione dell'IVA». Diversamente opinando - si legge nelle motivazioni della sentenza in esame - «si otterrebbe una irragionevole disparità di trattamento in relazione a condotte comunque poste in essere al medesimo fine illecito (…)». In coerenza con i principi basilari del nostro sistema giuridico, viene pertanto ribadito che «Il più sicuro ancoraggio oggettivo per la determinazione della gravità della frode nell'ordinamento italiano è, invece, rappresentato dal complesso dei criteri per la determinazione della gravità del reato contenuti nel primo comma dell'art. 133 cod, pen., il quale fa riferimento, non solo alla gravità del danno o del pericolo cagionato alla persona offesa (n. 2), ma anche alla natura, alla specie, ai mezzi, all'oggetto, al tempo, al luogo e, più in generale, alle modalità dell'azione (n. 1), nonché all'elemento soggettivo (n. 3). Ne consegue che, ove non si sia in presenza di un danno di rilevantissima gravità (…) per milioni di euro, la gravità della frode deve essere desunta anche da ulteriori elementi, quali: l'organizzazione posta in essere, la partecipazione di più soggetti al fatto, l'utilizzazione di “cartiere” o società-schermo, l'interposizione di una pluralità di soggetti, la sistematicità delle operazioni fraudolente, la loro reiterazione nel tempo, la connessione con altri gravi reati, l'esistenza di un contesto associativo criminale. E il giudice dovrà valutare caso per caso la concreta valenza di tali elementi nella fattispecie al suo esame, essendo comunque sufficiente l'indicazione in motivazione di quelli ritenuti rilevanti in un senso o nell'altro».La sentenza n. 44584/2016 riempie di contenuti anche il secondo requisito individuato dalla giustizia comunitaria per rendere obbligatoria la deroga alle disposizioni vigenti in materia di prescrizione penale; vale a dire la verifica, rimessa al giudice nazionale, dell’ineffettività delle sanzioni previste «in un numero considerevole di casi di frode grave» che ledono gli interessi finanziari dell'Unione europea. Anche tale criterio, infatti, risulta «parimenti indeterminato» posto che, ove si considerasse in astratto, ovvero con riferimento all'integralità dei procedimenti pendenti dinanzi alle autorità giudiziarie italiane, «esso implicherebbe una prognosi di natura statistica che esula dai limiti cognitivi e valutativi del giudice, e anche di questa Corte; a ciò ostando non soltanto l'assenza di dati statistici affidabili, ma soprattutto l'orizzonte conoscitivo del singolo giudice, necessariamente limitato, dal vigente sistema processuale, ai fatti di causa, ovvero ai fatti che si riferiscono all'imputazione, alla punibilità e dai quali dipenda l'applicazione di norme processuali (art. 187 cod. proc. pen.) rilevanti nel singolo processo, e non già nella generalità degli altri processi». Proprio per questo, precisa la Cassazione, «escluso che possa altresì risolversi in una prognosi meramente empirica, fondata su soggettivismi di difficile verificabilità (in senso epistemologico), il requisito del "numero considerevole di casi di frode grave" non può che intendersi, in concreto, con riferimento alle fattispecie oggetto del singolo giudizio, potendosi ritenere sufficiente anche una singola frode solo qualora questa sia di rilevantissima gravità». La conclusione a cui perviene la Suprema Corte è apparentemente chiarificatrice: «nell'applicare tale requisito nel caso concreto, il giudice dovrà, dunque, considerare il numero e la gravità dei diversi episodi di frode per i quali si procede, nonché il contesto complessivo e le ragioni di connessione fra gli stessi».La pronuncia de qua getta una luce, forse flebile ma comunque provvidenziale, sul tormentato itinerario giurisprudenziale ma non risolve il problema, tuttora lacerante anche in dottrina, del “nuovo” rapporto fra ordinamento europeo e sistema di diritto penale interno alla stregua della sentenza Taricco. Spetta alla Corte costituzionale l’onere di dirimere al più presto l’intricato nodo giuridico, bilanciando con lungimiranza l’obbligo di fedeltà alle Istituzioni comunitarie con la salvaguardia dei principi inviolabili di legalità penale (art. 25 Cost.) e di «ragionevole durata» del “giusto processo” (art. 111 Cost.).Avv. Luca Petrucci – Avv. Giulio Vasaturo

nota a sentenza della Cassazione Sez. III penale n. 44584/16 a cura dell'Avv. Luca Petrucci e dell'Avv. Giulio Vasaturo

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La giurisprudenza, diceva Ulpiano, è la conoscenza di cose umane e divine, la scienza del giusto e dell’ingiusto. Se tanto elevata è la meta, nessuno può meravigliarsi se questo nobilitante percorso di sapientia iuris coincida, sempre più spesso, con una salita faticosa, da intraprendere lungo un s ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
martedì 1 novembre 2016 09:07

Contenzioso della Corte di Cassazione, efficienza uffici giudiziari e misure per la giustizia amministrativa: in Gazzetta Ufficiale la legge n. 197/2016

segnalazione della legge n. 197/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 29.10.2016

close icon

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 29.10.2016 la LEGGE 25 ottobre 2016, n. 197 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 2016, n. 168, recante misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, per l'efficienza degli uffici giudiziari, nonche' per la giustizia amministrativa". note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/10/2016. Per maggiori informazioni Accedi al testo coordinato

segnalazione della legge n. 197/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 29.10.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 254 del 29.10.2016 la LEGGE 25 ottobre 2016, n. 197 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 2016, n. 168, recante misure urgenti per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, per l'efficienza d ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 5 ottobre 2016 16:24

Strategie e tecniche di prevenzione e contrasto della corruzione nel mondo dello sport

contributo del Cons. Dott. Giovanni Tartaglia Polcini

close icon

Il mondo dello sport è un laboratorio primario per la verifica dell’attualità e dell’importanza dei canoni strategici ed operativi di prevenzione e contrasto della corruzione e per la creazione di un ambiente socioeconomico legalmente orientato in un ordinamento giuridico multilivello. Lo sforzo volto all’adozione di linee guida in coerenza con gli standards internazionali e l’applicazione diffusa e capillare dei modelli di governance della compliance e del risk management al mondo dello sport possono contribuire significativamente ad abbattere i rischi di corruzione. Un ruolo primario va attribuito alla responsabilità sociale di impresa (CSR); un controllo di legalità diffuso e partecipato, in partenariato tra public e private sector, condurrà certamente ad un innalzamento della soglia di legalità e ad un’anticipazione del piano di tutela. In detto modo, uno dei settori più delicati tra le aree a rischio corruzione riceverà nuova linfa vitale e potrà fornire ausilio al progresso sostenibile dell’intera umanità.

contributo del Cons. Dott. Giovanni Tartaglia Polcini

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Il mondo dello sport è un laboratorio primario per la verifica dell’attualità e dell’importanza dei canoni strategici ed operativi di prevenzione e contrasto della corruzione e per la creazione di un ambiente socioeconomico legalmente orientato in un ordinamento giuridico multilivello. Lo sforzo vo ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
lunedì 12 settembre 2016 17:49

Rinnovo del permesso di soggiorno: le condanne dell'extracomunitario in materia di stupefacenti e gli speciali presupposti che evitano il diniego automatico

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 9.9.2016 n. 3841

close icon

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 9.9.2016 n. 3841 ha richiamato il precedente della medesima Sezione (sentenza 30 maggio 2016, n. 2251) a tenore del quale le condanne dell’extracomunitario in materia di stupefacenti sono automaticamente ostative al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno, qualunque sia la pena detentiva riportata dal condannato e non rilevando la concessione della sospensione condizionale, ai sensi del chiaro disposto dell’art. 4, comma 3, t.u. 25 luglio 1998, n. 286, e ciò per il grave disvalore che il legislatore attribuisce, ‘a monte’, ai reati in questione ai fini della tutela della sicurezza pubblica (Cons. St., sez. III, 26 febbraio 2016, n. 797; Sez. III, 10 aprile 2015, n. 1841; Sez. III, 24 febbraio 2015, n. 919). In presenza di tali condanne, non residua alcuna sfera di discrezionalità in capo all’Amministrazione, che è obbligata a dare immediata applicazione al disposto normativo (Cons. St., sez. III, 1° agosto 2014, n. 4087). Nella specie, l’appellante ha subito una condanna a due anni e otto mesi di reclusione e ad € 14.000 di multa per il reato di detenzione illecita ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Tale condanna è quindi da sola ostativa al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno. L'automatismo delle cause ostative viene peraltro meno ed occorre una valutazione discrezionale, quando sussistono gli speciali presupposti indicati dalla nuova formulazione dell'art. 5, comma 5, del citato testo unico, come modificato dal d.lgs. 8 gennaio 2007, n. 5 e ulteriormente inciso dalla sentenza costituzionale 18 luglio 2013, n. 202. Tale disposizione, all’ultimo alinea, prevede infatti che «nell'adottare il provvedimento di rifiuto del rilascio, di revoca o di diniego di rinnovo del permesso di soggiorno dello straniero che ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare ovvero del familiare ricongiunto, ai sensi dell'art. 29, si tiene anche conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell'interessato e dell'esistenza di legami familiari e sociali con il suo Paese d'origine, nonché, per lo straniero già presente sul territorio nazionale, anche della durata del suo soggiorno nel medesimo territorio nazionale». Nel caso all’esame del Collegio, l’Amministrazione non ha posto in essere alcun automatismo. Il TAR ha ritenuto corretto sia il bilanciamento tra l’interesse del ricorrente a restare in Italia con la moglie e i due figli e quello pubblico a negargli il rinnovo del permesso di soggiorno, in considerazione della gravità del reato dallo stesso commesso, per di più nascondendo - quando era beneficiario del permesso di soggiorno - la droga presso la propria abitazione, sia il giudizio di prevalenza del secondo sul primo. Tale valutazione risulta al Collegio motivata e ragionevole, anche in considerazione del principio secondo cui il giudizio di pericolosità sociale è rimesso alla prudente e discrezionale valutazione dell’Autorità di pubblica sicurezza e può trarre giustificazione da comportamenti o situazioni (che in taluni casi possono essere non ancora definitivamente sanzionati in sede penale), con una valutazione indiziaria della condotta dell’interessato, fondata su dati di esperienza generalizzati che corrispondono all’id quod plerumque accidit. Pertanto, in tale quadro, il Questore ha correttamente dato rilievo alla condanna inflitta nel dicembre 2013 all’interessato per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti previsto dall’art. 73, d.P.R. n. 309 del 1990, ove si consideri che si tratta di un fatto commesso quando egli era già in Italia con un regolare permesso di soggiorno. Il Questore ha supportato il giudizio negativo, sottolineando come da un lato l’esigenza di salvaguardare l’unità familiare non può prevalere su quella di tutela della comunità, anche in ragione del fatto che tale unità familiare non ha agito da deterrente per impedire la commissione del reato; dall’altro, che il periodo di permanenza sul territorio dello stato dell’appellante non soddisfa la condizione di c.d. lungo soggiornante, avendo regolarizzato la sua posizione in Italia nel 2011, La determinazione del Questore, ad avviso del Collegio, risulta coerente con la ratio delle disposizioni sull’immigrazione che, accanto alla verifica dell’idoneità dello straniero ad inserirsi in un sano contesto socio economico, prendono anche in primaria considerazione le esigenze di tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica. Per approfondire scarica la sentenza.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 9.9.2016 n. 3841

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 9.9.2016 n. 3841 ha richiamato il precedente della medesima Sezione (sentenza 30 maggio 2016, n. 2251) a tenore del quale le condanne dell’extracomunitario in materia di stupefacenti sono automaticamente ostative al rilascio o al rinnovo de ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
lunedì 18 luglio 2016 20:48

Frode in processo penale e depistaggio: in Gazzetta Ufficiale la legge n. 133/2016 con i nuovi reati

segnalazione della legge 11.7.2016 n. 133 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 166 del 18.7.2016

Entrano in vigore il 2 agosto 2016 le disposizioni contenute nella legge 11 luglio 2016 n. 133 che introducono nel codice penale i nuovi reati di frode in processo penale e depistaggio. Per saperne di più scarica la legge.

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 17 luglio 2016 08:23

Astreinte: la misura e la decorrenza della penalità di mora

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 13.7.2016 n. 3104

close icon

Con sentenza il Tribunale ordinava all’Amministrazione di eseguire il decreto della Corte d’Appello col quale era stato riconosciuto alla parte oggi appellata l’indennizzo previsto dalla legge n. 89 del 2001 ( c.d. legge Pinto) a causa della violazione dei termini di ragionevole durata del processo. Con la medesima sentenza il Tribunale ha condannato l’Amministrazione al pagamento di penalità di mora ( c.d. astreinte). La sentenza, nel capo appunto relativo a tali penalità, è stata impugnata con l’atto di appello all’esame dall’Amministrazione la quale sostiene che il Tribunale ha errato nel condannare la P.A. al pagamento delle penalità. In via gradata l’appellante sostiene che ha errato il Tribunale nell’individuare la misura e la decorrenza delle stesse. Il Consiglio di Stato Sezione IV con la sentenza del 13.7,2016 n. 3104 ha ritenuto fondato l'appello nei limiti sotto indicati. Come evidenziato dalla Giurisprudenza, "Nell'ambito del giudizio di ottemperanza la comminatoria delle penalità di mora di cui all'art. 114, comma 4, lett. e), del c.p.a., è ammissibile per tutte le decisioni di condanna di cui al precedente art. 113, ivi comprese quelle aventi ad oggetto prestazioni di natura pecuniaria" ( cfr. Ap n. 15 del 2014). Ferma restando l'assenza di preclusioni astratte sul piano dell'ammissibilità, in concreto le allegate difficoltà del bilancio pubblico non possono giustificare una totale esenzione dell’Amministrazione inadempiente dalle penalità di mora, vista anche l’attuale possibilità del ricorso al conto sospeso. Quanto esposto induce a disattendere i rilievi mossi al riguardo dall’appellante. E’ invece nel giusto l’ Amministrazione quando deduce, in sostanza e tenuto conto dell’insieme delle argomentazioni difensive, che la sentenza impugnata ha comunque errato nell’individuare la misura e decorrenza delle penalità. Per quanto riguarda la misura delle penalità, la Giurisprudenza della Sezione reputa conforme a equità il parametro dell’interesse legale peraltro ora esplicitamente indicato dall’art. 114, comma 4, lett. e), c.p.a., come modificato dalla legge n. 208 del 2015. Per quanto riguarda la decorrenza, si ricorda che la penalità di mora consiste in uno strumento per indurre l'Amministrazione ad eseguire tempestivamente l'ordine di pagamento formulato dal giudice dell’ottemperanza: la penalità non è quindi comminabile per gli inadempimenti pregressi alla sentenza che ordina l'esecuzione del giudicato, ma deve decorrere dal giorno della comunicazione o notificazione della stessa, in quanto recante l'ordine di pagamento. ( cfr. IV Sez. n. 1444 del 2016). Tanto del resto risulta anche chiarito dall’art. 1 comma 781 della citata legge n. 208 del 2015.

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 13.7.2016 n. 3104

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

Con sentenza il Tribunale ordinava all’Amministrazione di eseguire il decreto della Corte d’Appello col quale era stato riconosciuto alla parte oggi appellata l’indennizzo previsto dalla legge n. 89 del 2001 ( c.d. legge Pinto) a causa della violazione dei termini di ragionevole durata del processo ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
domenica 17 luglio 2016 08:04

Giudizio revocatorio: l’errore di fatto che consente di rimettere in discussione il decisum del giudice

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 11.7.2016 n. 3077

close icon

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza dell'11 luglio 2016 n. 3077 ha richiamato il principio, più volte ribadito in giurisprudenza, secondo cui l’errore di fatto che consente di rimettere in discussione il decisum del giudice è solo quello che non coinvolge l’attività valutativa dell’organo decidente, ma tende invece ad eliminare l’ostacolo materiale frapposto fra la realtà del processo e la percezione che di questa il giudice abbia avuto, ostacolo promanante da una omessa percezione e sempreché il fatto oggetto di asserito errore non abbia costituito un punto controverso sul quale la sentenza impugnata per revocazione abbia pronunciato (cfr. ex plurimis Cons. Stato, sez. III, 16 marzo 2015, nr. 1358). Deve trattarsi, quindi, di una semplice errata od omessa percezione del contenuto meramente materiale degli atti del giudizio, la quale deve apparire con immediatezza e di semplice rilevabilità, senza necessità di argomentazioni induttive o indagini ermeneutiche (cfr. Cons. Stato, sez. V, 28 dicembre 2007, nr. 6774; id., sez. IV, 23 settembre 2008, nr. 4607; id., 20 luglio 2007, nr. 4097; id., 16 settembre 2008, nr. 4316), onde evitare che il giudizio revocatorio, ad onta del suo carattere di rimedio eccezionale, possa essere trasformato in un terzo grado del giudizio (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 24 gennaio 2011, nr. 503). Più specificamente, la lettura e l’interpretazione dei documenti di causa appartiene all’insindacabile valutazione del giudice e non può essere censurata quale errore di fatto previsto dall’art. 395, nr. 4, c.p.c., salvo trasformare lo strumento revocatorio in un inammissibile terzo grado di giudizio; ciò in quanto l’errore di fatto deducibile in sede di revocazione non è ravvisabile qualora si assuma che il giudice abbia omesso di esaminare, su questione oggetto di discussione tra le parti, le prove documentali esibite o acquisite d’ufficio, ovvero abbia proceduto a una erronea e incompleta valutazione delle medesime, risolvendosi siffatta doglianza in una censura di errore di giudizio rientrante nella valutazione complessiva delle produzioni documentali, esorbitante in quanto tale dall’ambito della revocazione (cfr. Cons. Stato, sez. VI, 2 febbraio 2015, nr. 460; id., 12 giugno 2012, nr. 3420).

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 11.7.2016 n. 3077

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza dell'11 luglio 2016 n. 3077 ha richiamato il principio, più volte ribadito in giurisprudenza, secondo cui l’errore di fatto che consente di rimettere in discussione il decisum del giudice è solo quello che non coinvolge l’attività valutativa d ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 13 luglio 2016 22:23

Contributi e sovvenzioni pubbliche: il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V sentenza del 11.7.2016 n. 3051

close icon

In materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche, pur dopo l'introduzione del codice del processo amministrativo, il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo deve essere ricercato sulla base del generale criterio fondato sulla natura della situazione soggettiva azionata, con la conseguenza che (Ad.Plen Consiglio Stato, 29 gennaio 2014 n.6 ): a) sussiste sempre la giurisdizione del giudice ordinario quando il finanziamento è riconosciuto direttamente dalla legge, mentre alla Pubblica Amministrazione è demandato soltanto il compito di verificare l’effettiva esistenza dei relativi presupposti senza procedere ad alcun apprezzamento discrezionale circa l'an, il quid, il quomodo dell'erogazione; b) qualora la vertenza attenga alla fase di erogazione o di ripetizione del contributo sul presupposto di un addotto inadempimento dei beneficiario alle condizioni statuite in sede di erogazione o dall'acclarato sviamento dei fondi acquisiti rispetto al programma finanziario, la giurisdizione spetta al giudice ordinario, anche se si faccia questione di atti formalmente intitolati come revoca, decadenza o risoluzione, purché essi si fondino sull'inadempimento alle obbligazioni assunte di fronte alla concessione del contributo, in quanto in tal caso il privato è titolare di un diritto soggettivo perfetto, come tale tutelabile dinanzi al giudice ordinario, attenendo la controversia alla fase esecutiva del rapporto di sovvenzione e all'inadempimento degli obblighi cui è subordinato il concreto provvedimento di attribuzione; c) viceversa, è configurabile una situazione soggettiva d'interesse legittimo, con conseguente giurisdizione del giudice amministrativo, solo ove la questione riguardi una fase procedimentale precedente al provvedimento discrezionale attributivo del beneficio, oppure quando, a seguito della concessione del beneficio, il provvedimento sia annullato o revocato per vizi di legittimità o per contrasto iniziale con il pubblico interesse, ma non per inadempienze del beneficiario”

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V sentenza del 11.7.2016 n. 3051

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

In materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche, pur dopo l'introduzione del codice del processo amministrativo, il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo deve essere ricercato sulla base del generale criterio ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
mercoledì 13 luglio 2016 12:40

Tutela Penale dell'euro: in Gazzetta Ufficiale le disposizioni contro le falsificazioni

segnalazione del d.lgs n. 125/2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016

close icon

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7,2016 il DECRETO LEGISLATIVO 21 giugno 2016, n. 125 recante "Attuazione della direttiva 2014/62/UE sulla protezione mediante il diritto penale dell'euro e di altre monete contro la falsificazione e che sostituisce la decisione quadro 2000/383/GAI". Entrata in vigore del provvedimento: 27/07/2016 Scarica il d.lgs n. 125/2016

segnalazione del d.lgs n. 125/2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7.2016

 
Note Legali
L'utilizzazione dei contenuti di Gazzetta Amministrativa da parte di altre testate, siti internet, giornali, televisione, ecc., è consentita esclusivamente con indicazione della fonte "www.gazzettaamministrativa.it" e contestuale link o collegamento alla pagina di pubblicazione del contenuto di volta in volta attenzionato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 12.7,2016 il DECRETO LEGISLATIVO 21 giugno 2016, n. 125 recante "Attuazione della direttiva 2014/62/UE sulla protezione mediante il diritto penale dell'euro e di altre monete contro la falsificazione e che sostituisce la decisione quadro 2000/3 ... Continua a leggere

«:::::::::GA:::::::::»
 

DOTTRINA



 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.